Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Processi condizionati, gli attacchi a Garozzo
Oggi il sindaco parlerà del sistema Siracusa

Nelle carte dell'inchiesta che ha coinvolto avvocati e magistrati aretusei viene citato anche il primo cittadino. Uno degli arrestati, Giuseppe Calafiore, gli avrebbe voluto «spaccare il culo», con la complicità dei Giancarlo Longo e di Marco Di Mauro. Questa mattina, Garozzo parlerà alla stampa

Marta Silvestre

«Gli ho spaccato il culo al sindaco, ora gli manda l'avviso di garanzia». Il primo cittadino citato dall'avvocato Giuseppe Calafiore - tra i 15 arrestati dell'operazione di martedì scorso condotta dalla guardia di finanza - è Giancarlo Garozzo che questa mattina terrà una conferenza stampa nel corso della quale ha annunciato che illustrerà i particolari di quello che è stato definito «sistema Siracusa», per usare la definizione della consigliera comunale Simona Princiotta. A occuparsi delle questioni legate al Comune - definito a più riprese un «sistema malato e corrotto», finito anche sotto i riflettori della commissione regionale e nazionale antimafia - è stato infatti il pubblico ministero Giancarlo Longo, attualmente arrestato con le accuse di corruzione, associazione a delinquere e falso

Al centro della conferenza di Garozzo probabilmente ci sarà anche la parte collegata al centro commerciale Open Land e le conseguenze che si sarebbero riverberate sull'ente comunale. «Ho atteso prima di intervenire sui recenti arresti eccellenti - ha affermato il sindaco - perché volevo capire quale sarebbe stata la reazione della politica e, come pensavo, c'è stato un silenzio quasi totale. La ragione è molto semplice e spiegherò il perché». Una parte di queste motivazioni è già accennata tra le pagine dell'ordinanza firmata dalla giudice Maria Vermiglio in cui si fa riferimento proprio a una delle conferenze stampa organizzate dalla consigliera comunale Princiotta nel corso della quale veniva elogiato l'operato dei sostituti procuratori Giancarlo Longo, Marco Di Mauro e Maurizio Musco mentre, invece, venivano accusati di legami troppo stretti con la politica i loro colleghi Antonio Nicastro, Davide Lucignani e Andrea Palmieri. L'anello di congiunzione starebbe nel ruolo dell'avvocato Giuseppe Calafiore nella doppia veste di legale della consigliera e della società Open Land, le cui procedure autorizzative erano state oggetto di denuncia del sindaco Garozzo.

«Marco (Di Mauro, magistrato indagato ndr) mi aveva chiesto una denuncia contro il sindaco, proprio me l'ha chiesta, vuole fare una denuncia di simulazione di reato». È questo il passaggio esplicito intercettato dalla guardia di finanza all'interno della stanza di Longo in riferimento al primo cittadino. Tra le risate a parlare a bassa voce è Calafiore. «Un inquietante riscontro delle modalità perverse con cui l'attività giudiziaria è stata distorta e utilizzata per perseguire finalità privatistiche», così gli inquirenti definiscono i dialoghi fra i due che si sarebbero chiamati vicendevolmente con l'appellativo di compare. Il vigile sarebbe invece il soprannome che i due riservavano al procuratore capo Francesco Paolo Giordano. Mentre merdosi l'aggettivo più ricorrente per definire i magistrati «ostili».

In un'altra delle conversazioni intercettate nella stanza del pm, Calafiore anticipa che sarebbe iniziata una «campagna mediatica diffamatoria e intimidatoria nei confronti di questi magistrati ritenuti ostili». In particolare, il legale avrebbe fatto riferimento a una interrogazione parlamentare sulla condotta dei pm Nicastro, Palmieri e Lucignani. Interrogazione poi realmente presentata dal parlamentare uscente Pippo Zappulla, da sempre sostenitore della consigliera Princiotta. Stando alla ricostruzione degli inquirenti, a fare da cassa di risonanza per gli interessi degli indagati sarebbero stati gli articoli del giornalista Giuseppe Guastella, attualmente agli arresti domiciliari. Guastale, sul giornale Il Diario 1984, da lui fondato e diretto, avrebbe screditato alcuni magistrati che gestivano procedimenti a carico di clienti degli avvocati Piero Amara - ritenuto al centro del sistema criminale - e appunto Calafiore

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×