Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Partecipate, per le nomine Musumeci attinge dagli staff
Corona rimpiazza Ingroia, mentre all'Irfis arriva Gargano

Il presidente della Regione ha deciso di affidarsi a persone di stretta fiducia per il periodo che servirà da viatico per la definizione del vero e proprio spoils system. Una scelta che il governatore ha motivato con l'esigenza di non prestare il fianco alle strumentalizzazioni politiche considerata la campagna elettorale per le Politiche

Francesco Vasta

Ѐ il giorno delle assemblee dei soci volute dal presidente Nello Musumeci per il rinnovo degli organi di vertice delle partecipate della Regione. Ma quella di oggi è solo la prima fase dello spoils system a tappe voluto dal governatore per «evitare qualsiasi tentativo di speculazione politica». Dal suo insediamento, Musumeci aveva tre mesi di tempo per cambiare presidenti e amministratori delle società regionali che erano stati indicati dal predecessore Rosario Crocetta. L'obbligo di legge però cade in piena campagna elettorale, e così il presidente ha voluto rimandare a dopo il 4 marzo le designazioni espressione del confronto interno alla maggioranza. «Niente posti in sottogoverno prima delle Politiche», ha annunciato Musumeci, ma spazio a «nomine transitorie» attingendo a uomini e donne già reclutati negli uffici di diretta collaborazione di presidente e assessori. L'indirizzo si era intanto già concretizzato venerdì, quando la numero uno della segreteria di Musumeci, Alessia Trombinoera stata eletta presidente dell'assemblea dei soci del Consorzio per le autostrade siciliane. Una volta passate le elezioni, toccherà a loro fare un passo indietro per lasciare campo libero alle investiture concertate. 

Dunque ecco le scelte: al vertice del consiglio di amministrazione di Airgest spa, gestore dell'aeroporto di Trapani-Birgi, arriva Grazia Terranova, già membro dello staff dell'assessore delle Attività produttive Mimmo TuranoGiancarlo Migliorisi, uomo del gabinetto dell'assessora Bernardette Grasso, e Niccolò Calderone sono stati scelti come consiglieri. 

Guiderà il cda dell'Azienda Siciliana Trasporti (Ast) Mario La Rocca, capo di gabinetto dell'assessore della Sanità  Ruggero Razza. Siedono in consiglio anche Rosalia Pipia, capo di gabinetto dell'assessore Grasso, e Giuseppe Battaglia, capo di gabinetto dell'assessore Totò Cordaro. Il trio rimpiazza Massimo Finocchiaro, Serafina Perra e Giancarlo Costa. Alla Società degli Interporti spa pare destinata invece Francesca Garofalo.

All'Irfis, la società finanziaria per il mediocredito vera e propria cassaforte della Regione, sarà presidente del cda l'avvocato catanese Giacomo Gargano, docente all'università Kore di Enna e capo della segreteria tecnica di Musumeci. Nel consiglio di amministrazione siederanno anche Lucia Di Fatta, capo di gabinetto dell'assessore Sandro Pappalardo, e Sebastiano Conti Nibali dallo staff del governatore. Il capo di gabinetto di Musumeci, Gianluigi Amico, dovrà temporaneamente occuparsi della Sas (Servizi ausiliari Sicilia). L'amministratore unico di Sicilia digitale spa, la ex Sicilia e-servizi che Crocetta aveva affidato all'ex pm Antonio Ingroia, sarà Dario Corona. Per l'ultima nomina si dovrà ancora attendere, ma è questione di formalismi: Roberto Colletti, ex direttore amministrativo dell'ospedale Cervello di Palermo, rimpiazzerà Gaetano Montalbano alla guida di Seus, la società che si occupa della gestione del 118 in Sicilia. Per la ratifica dell'atto bisognerà attendere però il 14 febbraio, data in cui si svolgerà l'assemblea dei soci, oggi rinviata per mancanza del numero legale.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews