Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Vittoria, a fuoco quattro mezzi di impresa di trasporti
L'anno scorso un altro rogo distrusse cinque camion

A poco più di dodici mesi, un nuovo presunto attentato incendiario ha colpito la Gatto srl, azienda attiva nel settore ortofrutticolo. I titolari in queste ore sono stati ascoltati dai carabinieri. Pochi i dubbi sulla matrice dolosa dell'episodio. L'incendio sarebbe partito da due punti diversi. Al vaglio le immagini di videosorveglianza. Guarda le foto

Valentina Frasca

A distanza di un anno dal devastante rogo che ridusse in cenere cinque camion della ditta di autotrasporti Gatto srl, a Vittoria, l’azienda subisce un altro grave danno. La notte scorsa, il nuovo episodio: poco prima della mezzanotte, la squadra operativa del distaccamento dei vigili del fuoco di Vittoria si è recata nel piazzale gestito dalla Sf Ecology, trovando in fiamme tre semirimorchi e un autotreno della Gatto. Data l'altezza delle fiamme, la sala operativa ha disposto l’invio dell’autobotte che si trova nell’aeroporto di Comiso e di un’altra squadra operativa dalla sede centrale. L’incendio è stato domato intorno alle 2. Insieme ai vigili del fuoco, sul posto sono intervenuti i carabinieri di Vittoria che stanno ora conducendo le indagini. 

Pochi i dubbi sulla matrice dolosa del devastante rogo che ha distrutto i quattro mezzi pesanti dell'imprenditore vittoriese Sebastiano Gatto, anche se al momento i militari non sono riusciti a trovare l’elemento chiave, una tanica di benzina o qualche molotov. Sono ancora in corso i sopralluoghi nell’area. Di certo, c’è che l’incendio è partito da due punti diversi, ossia da un autocarro e da uno dei semirimorchi. I carabinieri stanno ascoltando da ore i titolari della ditta, che avrebbero dichiarato di non sapersi spiegare il gesto e che sporgeranno denuncia contro ignoti. Nel piazzale ci sono le telecamere di videosorveglianza e i carabinieri visoneranno i filmati per capire se abbiano ripreso l’area in cui i mezzi erano parcheggiati.

Sempre l'anno scorso, circa un mese dopo l'incendio ai mezzi di Gatto, un altro attentato incendiario colpì i tir della ditta Caair. In quell'occasione, il rogo causò gravissime ustioni a un autista.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×