Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Eccellenza, il Licata vince la Coppa regionale
Gialloblu alla fase nazionale con vista serie D

La squadra di mister Campanella batte per 2-1 ai supplementari il Sant’Agata. «Bella partita – spiega il tecnico a MeridioNews –, la Coppa è dedicata ai tifosi che ci seguono sempre. Adesso vogliamo andare avanti e restare primi in campionato»

Luca Di Noto

Foto di: pagina Facebook Licata Calcio

Foto di: pagina Facebook Licata Calcio

È il Licata di mister Giovanni Campanella ad aggiudicarsi l’edizione 2017/18 della Coppa Italia di Eccellenza, competizione su base regionale che garantisce l’accesso alla fase nazionale e consentirà alla vincitrice di conquistare la promozione diretta in serie D. I gialloblu hanno battuto ai supplementari, nella finale disputata allo stadio Proto di Troina, il Sant’Agata con il punteggio di 2-1.

Messinesi subito vicini al gol con Segreto che manda fuori da un soffio. La gara è piacevole, ma gli agrigentini collezionano la prima occasione al 22’ con Zingales, che impegna Inferrera costringendolo all’uscita bassa. Tre minuti dopo, Licata in vantaggio con Cannavò, che di testa mette in rete un cross di Tumbarello. Poco più di dieci minuti dopo, ecco il pareggio biancazzurro: Zingales batte una punizione, il pallone viene deviato e finisce in rete. Prima dell’intervallo, Sant’Agata vicino al bis con Lupo, ma si va al riposo sull’1-1. In avvio di ripresa, rete annullata al Licata per un fuorigioco di Taormina. Cannavò impegna ancora Inferrera, dall’altra parte è Isgrò a provarci e l’attaccante realizza all’82’, ma anche qui l’arbitro non convalida per fuorigioco. Al 90’, santagatesi nuovamente vicini al gol con Privitera che supera il portiere Iacono, ma Trevizan salva quasi sulla linea e si va così ai supplementari. Il gol che decide il match arriva al 97’ con Taormina che sfrutta un lancio di Tumbarello e non si fa ipnotizzare da Inferrera, mettendo in rete. I biancazzurri provano a reagire con Privitera, Matera e Zingales, ma al triplice fischio è il Licata a fare festa.

«È stata una bella partita – spiega a MeridioNews il tecnico Giovanni Campanella – abbiamo sofferto un po’ anche perché affrontavamo una squadra ben messa in campo. La vittoria ci premia, abbiamo avuto diversi infortunati durante la gara e ho dovuto fare dei cambi adattando giocatori in ruoli che non erano i loro». Nonostante la gara si sia disputata a Troina, il pubblico è accorso numeroso ed erano presenti anche circa 400 tifosi licatesi: «Devo ringraziarli perché hanno tifato dal primo all’ultimo minuto e c’era la tribuna piena. La Coppa è dedicata a loro, anche perché non è facile seguire la propria squadra lontani da casa». 

Adesso il Licata dovrà affrontare la fase nazionale, dove al primo turno incontrerà i calabresi del Locri «Vogliamo andare avanti sia in Coppa sia in campionato. Domenica abbiamo una gara difficile col Canicattì, ma il nostro obiettivo è restare in testa alla classifica. Per quanto riguarda la Coppa – conclude mister Campanella –, andremo in Calabria per giocarcela».

Sant’Agata (4-3-3): Inferrera; Scaffidi, Tricamo, Bontempo, Zingales; Segreto (112' Pino), Privitera, Lupo (102' Calafiore); Mincica, Matera, Isgrò. A disp.: Scurria, Franchina, Andriolo, Manuli, Fogliani. All. Bellinvia.

Licata (4-2-3-1): Iacono; Grasso (60' Rapisarda), Trevizan, Librizzi (43' Tomarchio), Cappello (84' Cosentino); Favero, Pira; Tumbarello, Civilleri, Taormina; Cannavò. A disp.: Lo Verde, Sylla, Almerares, Dama. All. Campanella.

Arbitro: Toro di Catania (Russo-Vitaggio).

Marcatori: 25' Cannavò, 36' Zingales, 97' Taormina.

Note: Spettatori: circa 800. Ammoniti Privitera, Zingales, Cappello, Scaffidi, Mincica, Favero, Civilleri, Taormina, Iacono. Espulso al 119' Civilleri per doppia ammonizione. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×