Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Scorpion Fish, imputati scelgono rito abbreviato
Il processo sui viaggi in gommone dalla Tunisia

Al vertice dell'associazione a delinquere dedita al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina ci sarebbe stato Jabranne Ben Cheikh, già in carcere il giorno in cui il gip siglò il decreto di fermo. Attorno all'inchiesta, tuttavia, ci sono diversi elementi poco chiari. A partire dei possibili errori di traduzione nelle intercettazioni

Redazione

Verranno processati con il rito abbreviato gli imputati dell'inchiesta Scorpion Fish, che a giugno dello scorso anno portò all'arresto di 12 persone, coinvolte insieme ad altre tre in un presunto traffico di migranti e contrabbando di tabacchi. L'indagine della procura di Palermo ha fatto emergere una serie di viaggi tra la Tunisia e Marsala. I collegamenti avvenivano a bordo di gommoni che, sfruttando la relativa vicinanza tra la costa trapanese e il paese nordafricano, consentivano di fare arrivare i migranti in Sicilia in poche ore. 

Per i magistrati, al vertice dell'associazione ci sarebbe stato Jabranne Ben Cheikh, all'epoca già in carcere per vicende legate allo spaccio di stupefacenti. Ad aiutare Ben Cheikh sarebbe stata la compagna Simonetta Sodi, originaria della Toscana, regione in cui risiedono altri imputati. Il giorno dei fermi, il sostituto procuratore Calogero Ferrara ha parlato della possibilità che i viaggi fossero utilizzati per fare entrare in Europa potenziali jihadisti. A sostegno di questa ipotesi, che tuttavia non è confluita nella formulazione dell'accusa di terrorismo, ci sarebbero anche alcune intercettazioni. Telefonate in cui gli indagati farebbero riferimento a Maometto e a un presunto sceicco

Tuttavia, come spiegato da MeridioNews, all'origine di questi sospetti potrebbero esserci anche errori di traduzione dei discorsi intercettati. Per esempio, in merito al riferimento allo sceicco, l'esperto di mondo islamico Lorenzo Declich ha spiegato che «la parola sheykh significa vecchio o saggio e può essere usata per riferirsi a un anziano, a un nonno o a qualcuno che è più saggio di te. Anche nei gruppi jihadisti esistono gli sheykh: Bin Laden veniva definito tale anche perché non aveva nessun titolo più importante da esibire visto che era un ingegnere, ma l'espressione ha diversi usi nella terminologia religiosa per indicare personaggi con conoscenze rilevanti. La radice etimologica è sempre la stessa, utilizzata in ambito tribale, religioso ma anche strettamente famigliare e quotidiano».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×