Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Il figlio prende 9 agli esami, genitori chiedono 10
Il Tar respinge il ricorso e li condanna alle spese

Succede a Canicattì, all'istituto Giovanni Verga. Il ragazzino ottiene una valutazione ottima, ma non eccellente, agli esami di terza media, ma la coppia denuncia una «disparità di trattamento». I giudici però gli danno torto: «La scuola, nel valutare la preparazione degli alunni, non applica scienze esatte»

Redazione

«Disparità di trattamento». È con questa motivazione che i genitori di un ragazzo di terza media di Canicattì avevano presentato ricorso contro il voto assegnato al figlio. Una valutazione ottima, corrispondente a nove. Ma per la coppia non bastava: per il loro bambino avrebbero voluto il dieci, cioè una valutazione eccellente. A distanza di tre anni e mezzo da quel ricorso, il Tar di Palermo si è pronunciato dando torno ai genitori e condannandoli a pagare mille euro per le spese di giudizio. 

I fatti si svolgono nell'estate del 2014 a Canicattì, in provincia di Agrigento. Il ragazzino supera brillantemente gli esami di terza media, ma il 24 agosto i genitori presentano ricorso e contestano alla commissione di esami «eccesso di potere sotto i profili della disparità di trattamento, del difetto d’istruttoria e del difetto di motivazione». Ma per i giudici amministrativi è infondato e va rigettato. 

«Come noto - scrive la prima sezione del Tar palermitano - la scuola, nel valutare la preparazione degli alunni, non applica scienze esatte che conducono a un risultato certo ed univoco (come si verifica ad esempio nei casi di accertamento dell’altezza di un determinato candidato o del grado alcolico di una determinata sostanza), ma formula un giudizio tecnico connotato da un fisiologico margine di opinabilità, per sconfessare il quale non è sufficiente evidenziare la mera non condivisibilità del giudizio, dovendosi piuttosto dimostrare la sua palese inattendibilità».

Quindi i giudici elencano i risultati delle varie prove affrontate dal ragazzino: 10/10 nella prova d’italiano; 10/10 nella prova di matematica; 8/10 nella prova di francese; 8/10 nella prova d’inglese; 9/10 nel colloquio pluridisciplinare. «Il voto finale di 9/10 - si legge nella sentenza - si presenta, pertanto, coerente con quelli di ammissione e con quelli conseguiti nelle prove d’esame, tanto più che il voto di 10/10 presuppone il raggiungimento dell’eccellenza in tutte le prove. Valga, in particolare, il riferimento fatto nei giudizi sulle lingue straniere (inglese e francese) alla circostanza che l’elaborato era “per lo più” e non “totalmente” corretto».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×