Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Asp Enna, sequestro a società che gestiva il Cup
Avrebbe trattenuto oltre 443mila euro dai ticket

L'indagine nata in seguito a una denuncia dell'Azienda sanitaria provinciale ha portato alla scoperta di un sistema che avrebbe permesso ai gestori di fatto della M&G Call Center di fingere il versamento delle spettanze all'ente. Posti i sigilli a una villetta di oltre duecento metri quadrati. Tre gli indagati per peculato

Redazione

Sono accusati di avere tenuto le somme destinate all'Asp derivanti dal pagamento dei ticket da parte dei pazienti che si rivolgevano alle strutture sanitarie ennesi e per questo, oggi, è stato eseguito un sequestro preventivo di oltre 440mila euro. Protagonisti la legale rappresentante e i gestori di fatto della M&G Call Center srl, la società che da maggio 2012 a gennaio 2017 ha svolto il servizio di gestione del centro unico di prenotazione, del call center e della riscossione dei pagamenti per i trattamenti erogati dall'Azienda sanitaria provinciale. Gli indagati - una 42enne, un 33enne e un 30enne, tutti originari di Tremestieri Etneo, in provincia di Catania - sono accusati di peculato

L'inchiesta, coordinata dai magistrati Stefania Leonte e Massimo Palmeri e nata in seguito a una denuncia dell'Asp, ha portato a scoprire un ammanco di 685mila euro dalle casse dell'ente. Somma poi ridotta a 443mila, in seguito ad azione di recupero messe in atto dalla stessa azienda. Dalle verifiche fatte dalla guardia di finanza è emerso che «la società inviava regolarmente all’Asp copia delle disposizioni di bonifico, apparentemente regolarmente quietanzate; ma gli approfonditi controlli effettuati dal personale accertavano la totale mancanza di versamenti». 

A gestire le somme che sarebbero state trattenute sarebbero stati i gestori di fatto della M&G, anche pur non risultando soci. Nel corso dell'inchiesta, inoltre, sono emersi diversi contrasti tra gli indagati e gli altri membri della società che erano in disaccordo con i comportamenti tenuti. Oggetto del sequestro sono state una villetta di oltre duecento metri quadrati a Tremestieri Etneo, un orologio di lusso, un'utilitaria, le quote di diverse società e diversi rapporti finanziari.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×