Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Avola, genitori rompono costola a insegnante
Graffi, calci e pugni dopo rimprovero al figlio

Una coppia, 47 anni lui e 33 lei, stamattina ha raggiunto la scuola Vittorini, dopo essere stata avvisata dal figlio dodicenne di avere subito un rimprovero dal professore di educazione fisica. Sotto gli occhi degli altri studenti, l'uomo è stato aggredito subendo la rottura di una costola

Salvo Catalano

Un insegnante di educazione fisica è stato aggredito, con calci e pugni, stamattina davanti alla scuola Vittorini di Avola. A colpirlo sarebbero stati i genitori di un alunno che era stato rimproverato poco prima dal professore, che ha subito anche la rottura di una costola. 

È successo stamattina nel Comune siracusano. L'insegnante, molto conosciuto nell'istituto e prossimo alla pensione, avrebbe rimproverato, alzando la voce, il ragazzo di 12 anni che frequenta la seconda media. Un alunno che non avrebbe dato in passato problemi e che non proviene da una famiglia disagiata. L'adolescente avrebbe avvisato i genitori dell'accaduto, tramite un messaggio, e nel giro di qualche minuto la coppia - 47 anni lui, 33 lei - ha raggiunto la scuola per chiedere conto e ragione all'insegnante.

Quest'ultimo, mentre stava accompagnando una classe al vicino istituto Majorana, sarebbe stato prima graffiato dalla donna e poi percosso dall'uomo, sotto gli occhi degli alunni. Il professore è stato costretto a fare ricorso alle cure dei medici dell'ospedale di Maria. Un altro insegnante, di musica, sarebbe stato colpito al volto con un pugno mentre tentava di mettere fine alla colluttazione, subendo la rottura degli occhiali. La coppia è stata invece denunciata per lesioni e interruzione di pubblico servizio. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×