Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ragusa, in provincia manca pronto soccorso veterinario
«A Capodanno 100 km per non far morire il mio cane»

La notte dell'ultimo dell'anno Claudio ha dovuto affrontare un'emergenza: il suo yorkshire è stato colto da un edema polmonare. «Si è spaventato moltissimo per i botti e ha iniziato ad ansimare, ho contattato alcuni veterinari della zona ma mi hanno risposto: portalo a Catania o a Siracusa». Ma nel 2018 le cose potrebbero cambiare

Valentina Frasca

Charlie è uno yorkshire di undici anni e la notte di Capodanno è quasi morto. Il suo papà, Claudio, per salvarlo ha dovuto portarlo da Comiso fino a Siracusa, rischiando di vederselo morire in auto durante il lungo tragitto, reso ancor più caotico dagli spostamenti di quanti si stavano recando nei luoghi scelti per festeggiare la fine del 2017 e l’inizio del nuovo anno.

Charlie ha avuto un improvviso edema polmonare, ma per fortuna ieri sera, dopo gli ultimi controlli al cuore, è stato dimesso. Dovrà fare una cura (tra l’altro anche molto costosa, dato che le spese per i farmaci sono tutte a carico dei padroni), ma la sua disavventura a lieto fine fa riaccendere i riflettori su un problema molto grave per la provincia di Ragusa: la mancanza di un pronto soccorso veterinario h24. Nei 12 comuni iblei, infatti, allo stato attuale non esiste una struttura nella quale i veterinari operino sette giorni su sette, 12 mesi all’anno. Ci sono tre cliniche, ma non lavorano né la notte né nei festivi. I veterinari quasi sempre hanno la reperibilità, ma se accade quello che è successo a Claudio può non bastare. La buona notizia è che il 2018 potrebbe essere l’anno buono, perché una di queste tre strutture potrebbe dare il via al servizio.

«È stata davvero una brutta avventura – racconta oggi Claudio – perché è stata una corsa contro il tempo per salvarlo. Charlie ha iniziato a star male la sera del 30 dicembre, respirava velocemente, ma pensavo fosse un malessere passeggero, ed infatti la mattina del 31 sembrava stesse bene. Nel pomeriggio, a causa dello scoppio dei botti, la situazione è precipitata. Si è spaventato moltissimo e ha iniziato ad ansimare, ho contattato alcuni veterinari della zona ma mi hanno risposto tutti la stessa cosa: portalo a Catania o a Siracusa. Alle 18.15, vedendo che si stava aggravando, abbiamo capito che non era più il caso di tergiversare e siamo partiti alla volta di Siracusa. Quando siamo arrivati, Charlie era ormai stremato e lo hanno dovuto rianimare. Gli hanno diagnosticato una cardiopatia e un edema polmonare, lo hanno ricoverato e strappato alla morte».

Claudio ha denunciato in un post su Facebook quello che è successo, chiedendo perché una realtà tanto importante quanto quella ragusana non abbia un pronto soccorso veterinario. «Non mi permetto a mettere in discussione la libertà dei professionisti che aspettano le feste per riposare e godersi la famiglia e gli amici, quanto l’Ordine di competenza e la solita classe politica per non aver ancora pensato ad istituire un centro/clinica in Provincia atta alla risoluzione di questa problematica – ha scritto Claudio nel suo post – è la notte di Capodanno e mi ritrovo a cento chilometri di distanza a denunciare questo angosciante e grave problema».

Un problema che è dovuto al fatto che non esiste un sistema sanitario nazionale come per gli uomini, capace di garantire prestazioni pubbliche; tutto è affidato al buon senso dei veterinari privati, perché quelli delle Asp non sono chiamati a fornire assistenza ai cani che hanno una casa e una famiglia, ma solo a quelli abbandonati e che vanno sterilizzati e microchippati. Il loro compito termina lì. Sono i privati, invece, che dovrebbero organizzarsi per creare una struttura capace di fornire un servizio efficiente sempre, a prescindere dall’ora e dai giorni rossi sul calendario. In altre province questo è già avvenuto, vedi Catania e Siracusa, a Ragusa ancora no.

Il presidente dell’Ordine dei Veterinari della provincia di Ragusa, Enzo Muriana, afferma senza mezzi termini che «il futuro è proprio questo» e che «i colleghi dovrebbero capirlo e organizzarsi di conseguenza, riunendosi in modo da avere i turni». «Mi sono già fatto portavoce di questa esigenza più volte – dichiara – ma finora l’appello è caduto nel vuoto. La vicenda del piccolo Charlie, però, mi sprona a rilanciare l’opera di sensibilizzazione già dalla prossima riunione». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×