Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Agrigento, evasione internazionale su birra e liquori
Sei fermati, movimenti fittizi di 60 milioni di litri

La Guardia di finanza e l'ufficio delle dogane di Porto Empedocle hanno smantellato un gruppo accusati di associazione per delinquere finalizzata al falso e alla frode fiscale con l’aggravante della transnazionalità. Oltre 32 milioni di euro di imposte sarebbero stati evasi

Redazione

Un sistema quasi perfetto per evadere le tasse sulle bevande alcoliche, facendo finta di movimentare birra e liquori da alcuni Paesi europei, con destinazione Italia, ma vendendoli invece nel Paese di origine e in nero. È stata la Guardia di finanza di Agrigento, insieme all'ufficio dogane di Porto Empedocle, a scoprire e smantellare un gruppo, composto da sei soggetti, tutti fermati e accusati di associazione per delinquere finalizzata al falso e alla frode fiscale con l’aggravante della transnazionalità.

L'operazione, denominata Criminal drinks, è un'appendice di quella messa in atto a luglio e novembre del 2016, quando furono arrestate due persone in territorio britannico e belga. Da quel momento le indagini sono andate avanti, permettendo di accertare l’esistenza e l’operatività di una nuova e articolata cellula criminale, collegata a quella già individuata nell’ambito della precedente operazione. 

La strategia è stata quella di fingere trasporti di prodotti alcolici in un deposito fiscale fittizio italiano, per consentire ad altri depositi fiscali esteri (mittenti) di creare «sacche di evasione fiscale». I prodotti alcolici dichiarati infatti erano veramente esistenti, ma sarebbero stati trasferiti in Italia solo sulla carta. Mentre in realtà sarebbero stati venduti in nero nel Paese produttore d’origine o in altri Paesi d’Europa. 

Ad esempio è stata attestata la movimentazione verso l'Italia di 60 milioni di litri di birra, su cui l'accisa evasa ammonterebbe a 26 milioni di euro. A cui aggiunti circa sei milioni di Iva, oltre a tutte le imposte dirette che ne conseguono. Di questi ultimi giorni, poi, è la notizia dell’estradizione di D.M.S.H.A.B, belga già arrestato nel febbraio 2017 in territorio straniero, in esecuzione del mandato di arresto europeo per essere giudicato dalla magistratura Italiana. 

I fermati sono: B.P. milanese di 50 anni, capeggiatore dell’organizzazione; S.S. cittadino italiano con residenza in Spagna, di circa 60 anni, arrestato all’aeroporto di Fiumicino, mentre tentava di fare rientro in Italia, dopo un’assenza di circa un anno; C.F., siciliano trapiantato a Como di circa 40 anni con il ruolo di testa di legno del fittizio deposito fiscale; B.F., trentacinquenne faccendiere dell’associazione; D.G.T. sessantacinquenne milanese faccendiere dell’associazione; B.G., sessantenne piemontese faccendiere dell’associazione.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×