Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Cosa Nostra a Expo, condannato l'imprenditore Pace
Collegamento tra Milano e la famiglia di Pietraperzia

Insieme a Giuseppe Nastasi, altro imprenditore condannato col rito abbreviato lo scorso febbraio, Pace avrebbe di fatto controllato il consorzio Dominus che si è aggiudicato appalti per 18 milioni di euro per l'evento internazionale di due anni fa. Parte di questi soldi sarebbe stata usata per arricchire i clan siciliani

Redazione

Foto di: Wikipedia

Foto di: Wikipedia

Dopo Giuseppe Nastasi, condannato anche Liborio Pace. Sono i due imprenditori accusati di aver arricchito Cosa Nostra grazie ai lavori eseguiti all'Expo di Milano 2015. Entrambi sono stati riconosciuti colpevoli in primo grado: Nastasi aveva scelto l'abbreviato e gli è stata inflitta una condanna a otto anni e dieci mesi di carcere lo scorso febbraio; Pace è stato condannato oggi dal Tribunale di Milano col rito ordinario a 13 anni e sei mesi. I due sono stati riconosciuti come i gestori di fatto del consorzio Dominus che nell'evento internazionale di due anni fa si è aggiudicato appalti per 18 milioni di euro dalla società Nolostand (controllata da Fiera Milano) per realizzare i padiglioni di Francia, Guinea, Qatar e Birra Poretti, l'auditorium e il palazzo dei congressi.

Pace, ritenuto uomo vicino alla famiglia mafiosa di Pietraperzia, è stato condannato a sette anni e sei mesi con rito ordinario per associazione a delinquere aggravata dalla finalità mafiosa e ad altri sei anni in abbreviato dagli stessi giudici per altre imputazioni. Condannati anche a sette anni e undici mesi e due anni e otto mesi i presunti riciclatori di denaro Alessandro Moccia e Giuseppe Lombino. Risarcimenti riconosciuti e da quantificarsi in sede civile per il Comune di Milano (provvisionale da 140mila euro) e per le società Fiera Milano e Nolostand.

Liborio Pace è considerato il braccio destro di Nastasi, quest'ultimo accusato di essere vicino a Matteo Messina Denaro, tramite la famiglia degli Accardo di Partanna. Ma Pace sarebbe soprattutto uomo legato al clan di Pietraperzia: sposato con Rosanna Anzallo, figlia di Giuseppe Anzallo, condannato per associazione mafiosa. Pace è anche cognato di Vincenzo Monachino, referente mafioso della famiglia di Pietraperzia, ed è proprio quest'ultimo, secondo gli inquirenti, «ad aver condizionato l'inserimento di Pace nelle attività imprenditoriali di Nastasi».

In realtà Nastasi sarebbe stato in qualche modo costretto prima ad aiutare economicamente Pace e poi di fatto a trasformarlo in suo socio. «A questo io gli ho cambiato la vita», spiegava Nastasi in un dialogo intercettato dagli investigarorialla moglie che replicava: «Lo hai fatto venire in ufficio, lo hai stipendiato, alla fine te lo sei messo socio». «Non siamo soci - risponde il marito - va beh però, le ditte sono mie ma che devo fare, dividiamo...».

Altra figura vicina a Pace e con funzione di collegamento tra Milano e Pietraperzia è quella di Angelo Cacici, «componente della famiglia mafiosa di Pietraperzia, come accertato dalle sentenze». Lui avrebbe ricevuto 60mila euro da Nastasi e Pace e avrebbe poi fatto da «garante» del flusso di denaro che dalla ricca Milano doveva tornare al paese di origine.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×