Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Morto il ragusano Salvo Mandarà, grillino antisistema
Aveva lasciato una multinazionale per la sua web tv

Molti lo hanno conosciuto per le dirette, con semplice smartphone, nel 2013 durante tutto lo Tsunami Tour del Movimento 5 stelle. Il 51enne, malato di leucemia, si era licenziato dall'azienda dove lavorava per vivere secondo le sue regole e parlare delle sue contestate convinzioni. Il saluto di Beppe Grillo: «Per lui affetto intatto»

Valentina Frasca

«Se ne è andato Salvo Mandarà. Lottava da tempo contro la leucemia. Salvo viaggiò con noi in camper nel 2013 durante tutto lo Tsunami Tour facendo le dirette da tutti i palchi d'Italia con un semplice smartphone. Le dirette che fece in quei 40 giorni furono seguite da milioni di persone. Gli dicevo sempre che quando si metteva il cappuccio per ripararsi dal freddo somigliava a Igor, lo straordinario personaggio di Frankenstein Junior. Lui rideva come un matto e diceva "Lupo ululà e castello ululì." Che tempi, che ricordi! Salvo poi giustamente seguì la sua strada, ma l'affetto che ci legava è sempre rimasto intatto. Ciao Salvo e grazie di tutto. Con affetto, Beppe».

Così Beppe Grillo sul suo blog ha salutato l’amico Salvo Mandarà, che si è spento questa mattina, a 51 anni, all’ospedale Maria Paternò Arezzo di Ragusa Ibla dove si trovava ricoverato da domenica scorsa per accertamenti che avevano mostrato un chiaro ed aggressivo ritorno della malattia. Ingegnere dalla natura assai poliedrica, era originario di Vittoria ma per molti anni aveva vissuto in Lombardia. Aveva due figli.

Circa un anno e mezzo fa, convinto com’era che «il lavoro ci rende schiavi», la coraggiosa decisione di lasciare tutto, di licenziarsi dalla multinazionale nella quale aveva lavorato per 20 anni e di vivere secondo le sue regole, trasferendosi a Scoglitti e accontentandosi delle offerte che arrivavano da chi seguiva la sua anticonvenzionale web tv nella quale trattava, senza timore di querele e censure, gli argomenti più svariati: dalle banche al canone tv, da come diventare uomini liberi all’amore per l’ambiente, dai vaccini (era dichiaratamente un no vax) alle cure alternative. Idee che hanno diviso e fatto discutere, che hanno portato Facebook a bloccargli il profilo innumerevoli volte, ma delle quali lui andava fiero.

Della sua passione (in passato aveva fatto anche radio) aveva fatto il suo lavoro, diventando «un reporter per caso» come si definiva lui stesso nella presentazione sul suo blog Salvo5puntozero, dove gli amici ora lo stanno salutando e omaggiando. Una passione scoperta un po’ per caso, durante la campagna elettorale del Movimento 5 Stelle per le regionali in Sicilia del 2012. «In quell’occasione - scriveva - ho scoperto, a 46 anni suonati, di amare il lavoro del cronista. In effetti l’ho sempre fatto, ma solo ad ottobre 2012 le migliaia di commenti di amici e conoscenti, troppo benevoli, mi hanno convinto a provare a farlo più spesso. E l’ho fatto!».

Non parlava molto della sua malattia, anzi. A chi gli chiedeva notizie sul suo stato di salute rispondeva sempre che andava tutto bene, poi la febbre incessante e il ricovero. La salma è stata trasferita nello studio della sua amatissima web tv a Scoglitti per la camera ardente. I funerali saranno celebrati lunedì alle 11 nella chiesa di Scoglitti. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La Sicilia dove l'acqua è un lusso

L'emergenza Messina è solo la punta dell'iceberg di un'Isola assetata: da Gela ad Agrigento. Dove fiorisce il mercato nero

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×