Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Scicli, due imprenditori edili denunciati
Accusati di evasione da 200mila euro

La Guardia di finanza di Modica ha scoperto un un sistema fraudolento per nascondere i proventi della propria attività economica. Una società cartiera, amministrata da uno dei due indagati, avrebbe emesso fatture inesistenti nei confronti di altre imprese riconducibili agli stessi imprenditori, per ricavarne vantaggi fiscali

Redazione

Imposte sui redditi e Iva evase per 200mila euro. Con questa accusa due imprenditori edili di Scicli sono stati denunciati dalla Guardia di finanza del comando provinciale di Ragusa. Avrebbero infatti messo in atto un sistema fraudolento per nascondere i proventi della propria attività economica. 

Dopo specifiche ispezioni fiscali, le Fiamme Gialle della Tenenza di Modica hanno rilevato delle anomalie su alcune società di costruzioni operanti nel ragusano. In breve è quindi emerso il meccanismo architettato dai due soggetti, che avrebbero costituito ad hoc una società cartiera, formalmente amministrata da una testa di legno (un imprenditore tunisino, uno dei due denunciati), con l'unico scopo di emettere fatture per operazioni inesistenti nei confronti di altre società riconducibili agli stessi imprenditori denunciati o ai propri familiari. 

La frode ha permesso di far emergere un’evasione fiscale dell’imposta sui redditi e dell’Iva che, tra il 2015 e il 2016, è stata quantificata in oltre 200mila euro. È quindi  scattato il sequestro dei beni per una somma equivalente a carico dei due imprenditori. Il sistema si sarebbe basato su questa società cartiera, costituita regolarmente ma di fatto priva di mezzi e di strutture sia logistiche che operative, che avrebbe emesso fatture per lavori di edilizia mai realizzati nei confronti di altre società riconducibili agli stessi indagati. I riceventi avrebbero quindi beneficiato di un doppio vantaggio fiscale illecito: da un lato sono stati dedotti dal bilancio costi fittizi mai sostenuti e dall’altro hanno beneficiato di indebite detrazioni sull’Iva da versare allo Stato.

Un altro elemento che ha insospettito i finanzieri è stato il transito fittizio degli stessi dipendenti da una società all’altra, «avvenuto - sottolineano le Fiamme gialle - al solo scopo di giustificare le false fatture emesse per le operazioni mai realizzate ed avvenuto esattamente in concomitanza con l’emissione di quest’ultime». Così è stato confermato che la gestione delle società interessate non avvenisse in maniera autonoma e separata, ma al contrario erano collegate ed amministrate dai soggetti denunciati. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

La Sicilia dove l'acqua è un lusso

L'emergenza Messina è solo la punta dell'iceberg di un'Isola assetata: da Gela ad Agrigento. Dove fiorisce il mercato nero

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×