Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ex Province, governo Musumeci per l'elezione diretta
«Ricorso a Corte costituzionale contro l'impugnativa»

È questo il primo atto deciso dalla nuova giunta regionale. L'iniziativa nasce in seguito alla decisione del Consiglio dei ministri di impugnare la legge approvata ad agosto dall'Ars, per reintrodurre in Sicilia la possibilità per i cittadini di scegliere i vertici politici degli enti intermedi. «Difendiamo lo Statuto», dichiara il governatore

Loredana Passarello

Controriforma sulle ex Province. La Regione siciliana farà ricorso contro l’impugnativa del governo. È questo il primo atto del governo Musumeci, ieri riunito fino a tarda sera per la prima volta a Palazzo d’Orleans. In una nota inviata dal presidente si legge che il ricorso sarà presentato «innanzi alla Corte costituzionale a seguito dell'impugnazione della legge che ha reintrodotto l'elezione diretta dei vertici delle ex Province e, quindi, per tutelare la potestà statutaria della Sicilia in materia di ordinamento degli enti locali e difendere il diritto dei cittadini ad eleggere i propri rappresentanti, anche a seguito del voto popolare sul referendum costituzionale dello scorso dicembre, nel solco dei principi di democrazia diretta fatti propri dall'Unione europea».

Ristabilire dunque il principio dell’elezione diretta dei vertici degli enti di area vasta, una battaglia che il centrodestra aveva portato avanti a colpi di interventi in Aula e di emendamenti, quando il precedente governo Crocetta aveva abolito le Province e stabilito, secondo i dettami della legge Delrio, l’elezione di secondo grado per i sindaci delle città metropolitane (eletti cioè dai consiglieri comunali). Una formula poi superata con la legge approvata ad agosto sempre dall’Ars che aveva, con la vittoria delle opposizioni, affermato l’elezione diretta. È proprio contro questa formula, per ritornare all'elezione di secondo grado, che il Consiglio dei ministri a ottobre ha impugnato la norma. 

L’obiettivo è ora, per la nuova giunta, quello di riaffermare il contenuto dell’articolo 14 dello Statuto siciliano che stabilisce poteri primari della Regione in materia di enti locali e di conseguenza la possibilità di eleggere i sindaci metropolitani direttamente, a differenza delle altre regioni italiane. A riguardo va ricordato che negli scorsi giorni il Tar ha accolto il ricorso dei sindaci metropolitani di Palermo e Catania, Leoluca Orlando ed Enzo Bianco, che si erano opposti al commissariamento dei due enti, in seguito alla reintroduzione dell'elezione diretta. Una misura che Crocetta aveva detto Ma la legge impugnata dal governo nazionale prevedeva anche la reintroduzione del gettone di presenza per gli amministratori, abolito con la Delrio, che potrebbe essere previsto nelle pieghe di una controriforma. Prevista nella seduta di ieri in giunta, anche una competenza specifica per le isole minori.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

La Sicilia dove l'acqua è un lusso

L'emergenza Messina è solo la punta dell'iceberg di un'Isola assetata: da Gela ad Agrigento. Dove fiorisce il mercato nero

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×