Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Giunta Musumeci, salviniani a un passo dalla rottura
Attaguile: «L'assessore spetta a noi, accordi chiari»

Il coordinatore per la Sicilia orientale di Noi con Salvini annuncia di non prendere parte alla riunione di maggioranza convocata per stasera dal presidente della Regione. «Non ho nulla su cui confrontarmi», dice il deputato riguardo alla poltrona da assessore che invece, a quanto pare, andrà a Fratelli d'Italia

Loredana Passarello

Senza un posto in giunta il movimento Noi con Salvini lascerebbe la maggioranza che sostiene Nello Musumeci. Lo fa sapere senza remore il suo coordinatore per la Sicilia orientale, Angelo Attaguile, confermando uno strappo già preannunciato nei giorni scorsi. I boatos lasciavano intendere l’intenzione del presidente della Regione di affidare la poltrona da assessore al partito Fratelli d’Italia piuttosto che ai leghisti siciliani. I due movimenti avevano corso assieme, federati in un’unica lista, alle regionali del 5 novembre e adesso si trovano a spartirsi la classica poltrona per due. 

Sembra dunque concretizzarsi l’ipotesi che l’unico posto in giunta riservato alla destra vada a Giampiero Cannella, coordinatore per la Sicilia orientale di Fratelli d’Italia. Circola anche il nome di Sandro Pappalardo. Ma Attaguile non ci sta: «Gli accordi in campagna elettorale erano diversi e non sono stati rispettati», afferma a MeridioNews. Ad un incontro che si terrà serata a Palazzo d’Orleans - convocato da Musumeci per incontrare i referenti regionali di tutti i partiti di maggioranza - Attaguile fa sapere che non parteciperà. «Non ho nulla su cui confrontarmi, ho già espresso pubblicamente la posizione del partito e Musumeci sembra stia facendo scelte diverse». A provocare la frattura fra salviniani e centrodestra, dunque, il passo indietro che sembra farà Musumeci, quando in realtà l'assessorato i due movimenti non avrebbero dovuto dividerselo. Secondo quanto aveva spiegato nei giorni scorsi a Meridionews il leader della Lega per la Sicilia occidentale, Alessandro Pagano: «L'accordo tra Musumeci, Salvini e Meloni era che Fratelli d’Italia ottenesse il posto nel listino, contando così su un deputato certo in più, mentre a noi, che al listino avevamo rinunciato, sarebbe toccato un assessore che poteva essere un punto di riferimento importante per crescere sul territorio».

La vicenda però si è evoluta in negativo, per i salviniani, nelle ultime ore: un comunicato congiunto di Attaguile, Pagano e Carmelo Lo Monte, deputato nazionale della Lega dal Messinese, esprimeva amarezza per gli accordi non rispettati: «spiace che in Sicilia si scelga il vecchio invece del nuovo. Continueremo a lavorare per il futuro senza alcuna tentazione di ritorno al passato, non chiederemo e non ci interessano poltrone di sottogoverno - hanno detto i tre - ma proseguiremo a fare esclusivamente gli interessi dei siciliani». Intanto sembra che fino a giovedì il presidente della Regione lavorerà alla composizione della giunta, divulgandone la composizione definitiva prima del week end. «Vediamo cosa succederà - osserva Attaguile che ha assunto, rispetto al suo collega Pagano, posizioni più radicali - rispetto alle scelte di Musumeci Salvini trarrà le conseguenze».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews