Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Asportare la tiroide senza lasciare cicatrici chirurgiche
A Messina primi interventi, molti vantaggi per i pazienti

Al Policlinico, l'equipe guidata dal professore Gianlorenzo Dionigi, tra i vincitori dei concorsi esterni banditi dall’ateneo peloritano, ha svolto gli interventi grazie a nuove tecnologie e alla professionalità maturata in un gruppo di studio internazionale. «Il pomeriggio stesso dell'operazione si può parlare e mangiare»

Simona Arena

Foto di: canale sicilia

Foto di: canale sicilia

Evitare le antiestetiche cicatrici al collo dopo un intervento di asportazione della tiroide è adesso possibile. Sono stati eseguiti a Messina, i primi interventi che permettono ai pazienti di non avere cicatrici chirurgiche. A permettere questo risultato è stata l'equipe guidata dal professore Gianlorenzo Dionigi, endocrinochirurgo dell’università di Messina, al Policlinico. Dionigi, che proviene dall'università Insubria di Varese, è tra i vincitori dei concorsi esterni banditi nei mesi scorsi dall’ateneo peloritano per implementare le professionalità al suo interno in determinati settori.

«L’asportazione della ghiandola tiroidea, senza cicatrici – spiega il Dionigi – avviene mediante un piccola incisione di un centimetro, nascosta nel vestibolo inferiore del cavo orale. Il vantaggio principale di questa tecnica chirurgica è l’eccellente risultato estetico con l’eliminazione completa di cicatrici chirurgiche nel collo o in altre sedi visibili». I vantaggi per i pazienti non sono solo esterni, perché questa tipologia di intervento permette di stare allettati meno tempo rispetto all'intervento classico. «Inoltre si alimentano e parlano il pomeriggio stesso dell’intervento, prendono il sole il weekend successivo al mare, possono fare la doccia la sera perché non è presente alcuna cicatrice visibile, alcuna medicazione».

Come sottolinenano dalla direzione del policlinico, Dionigi è stato il primo in Europa ad eseguire questo intervento chirurgico. «La tecnica chirurgica senza cicatrici è stata proposta e validata da un gruppo di studio internazionale (Transoral Thyroidectomy Study Group) composto dai massimi esperti della chirurgia endocrina». Ne fanno parte oltre al professor Gianlorenzo Dionigi, i colleghi Jeremy Richmond della John Hopkins di Baltimora, Robert Uldesman e Tobias Carling della Yale University, Hoon Yub Kim della Korea University di Seoul e Angkoon Anuwong della Siam University di Bangkok.

«La nuova tecnica chirurgica senza incisioni è strettamente dipendente dall’esperienza del chirurgo e dalle nuove tecnologie e moderni strumenti chirurgici dedicati - sottolinea l'università - quali il monitoraggio dei nervi laringei, dissettori a radiofrequenza e strumenti endoscopici». Lo sa bene il professor Dionigi che aggiunge: «Desidero sentitamente ringraziare l’amministrazione ospedaliera, tutto il policlinico e l’università di Messina per aver messo a disposizione tali tecnologie innovative, uniche in Italia, per la chirurgia della tiroide. Questi interventi chirurgici, infatti, sono resi possibili grazie al significativo supporto delle due amministrazioni. Fondamentale è stata la collaborazione con la cattedra di Endocrinologia del professor Salvatore Cannavò e con tutti i suoi collaboratori per la perfetta preparazione dei pazienti, con il dottor Enzo Marando ed il professor Mondello Fanio per i delicati aspetti anestesiologici, e con tutto il personale infermieristico del Blocco Operatorio per la preziosa apporto intraoperatorio». 

Si possono sottoporre a questa tipologia di intervento i pazienti affetti da noduli tiroidei con diametro non superiore ai cinque centimetri, quando il volume della ghiandola tiroidea non è superiore ai 45 millimetri, la diagnosi preoperatoria di patologia benigna della tiroide o di un piccolo tumore, l’assenza di indicatori biochimici ed ecografici di tiroidite, non segni clinici ed ecografici di linfadenopatia cervicale. «Questo - conclude Dionigi - è certamente un importante riconoscimento europeo ed internazionale per Messina».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×