Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ragusa, nubifragio e grandine tra le serre
Vittoria la più colpita, incidente sulla Ss 115

Stamattina la zona ipparina si è svegliata sotto un violento temporale. Molte auto in panne e negozi allagati. Il sindaco Giovanni Moscato ha ordinato la chiusura delle scuole. Nelle fase concitate dei soccorsi si è registrato anche un incidente tra un'auto e una camionetta dei vigili del fuoco. Guarda le foto, in aggiornamento

Valentina Frasca

I residenti di Vittoria e di parte della provincia di Ragusa stamattina si sono svegliati sotto un nubifragio. La protezione civile regionale ha diffuso, nel pomeriggio di ieri, un'allerta meteo di livello giallo, ma il temporale che si è abbattuto nelle prime ore della giornata sulla città ipparina e su parte della provincia iblea sembrerebbe avere avuto un'intensità decisamente maggiore. Oltre alla pioggia, si è registrata una copiosa grandinata che ha causato pesanti danni nelle serre, dove si sono accumulati alcuni centimetri di ghiaccio. La grandine si è accumulata in considerevoli quantità anche ad Acate.

Acate, serre distrutte

Fiera Emaia di Vittoria

Fiera Emaia di Vittoria

Fiera Emaia di Vittoria

Acate

Vittoria

Vittoria

Vittoria

Vittoria

Vittoria

Vittoria

Vittoria

Vittoria

Strade e negozi allagati e molte auto rimaste in panne. Il vento ha distrutto diversi gazebo e strutture alla fiera Emaia, dove era tutto pronto per il tradizionale appuntamento di novembre, in occasione di San Martino. Devastato anche lo stand di Altragricoltura, l'associazione che da mesi protesta in difesa delle imprese agricole del territorio. 

Il sindaco Giovanni Moscato solo stamattina ha ordinato la chiusura delle scuole. Il primo cittadino è in giro per la città insieme ai tecnici della protezione civile. «Non ho annunciato ieri la chiusura delle scuole perché il bollettino della protezione civile parlava solo di allerta gialla», spiega visibilmente arrabbiato. Il livello di allerta gialla è il più basso nella scala di attenzione della protezione civile e non prevede l'obbligo di chiusura degli istituti scolastici. «Il nostro ufficio manutenzioni, la polizia municipale e la protezione civile stanno intervenendo per limitare i disagi dovuti a questa bomba d’acqua che ha allagato molte strade», spiega Moscato. 

Intanto, nelle convulse fasi dei soccorsi, si è verificato un incidente lungo la strada statale 115, tra Ragusa e Modica. Un'auto - all'altezza di ponte Costanzo, in territorio di Modica - si è scontrata con una camionetta dei vigili del fuoco e ci sono due feriti. 

Aggiornamento delle 13.15seconda violentissima bomba d'acqua nell'ipparino, mentre a Ragusa e nel modicano la situazione è tornata sotto controllo. Tuoni, vento, grandine e pioggia, tantissima pioggia tra Vittoria e Acate, i comuni più colpiti anche dalle precipitazioni di stamattina. Dalla protezione civile fanno sapere che la perturbazione ha un andamento particolare, «non passa, non si sposta - fa sapere l'Arch. Marcello Di Martino - ma è come se girasse in tondo, e pertanto non è prevedibile con esattezza il modo in cui evolverà, anche se il peggio dovrebbe essere alle spalle».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×