Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Priolo, falsi necrologi per l'ex sindaco Rizza
Ironia sulla mancata elezione alle Regionali

Sono stati affissi in giro per la città della provincia di Siracusa due modelli diversi di manifesti funebri che riportano il nome di Antonello Rizza. L'ex primo cittadino è stato candidato all'Ars, nonostante il recente arresto per truffa e le polemiche relative ai cosiddetti impresentabili a sostegno di Nello Musumeci

Marta Silvestre

«È venuto a mancare politicamente il plurindagato ex-sindaco di Priolo Gargallo Antonello Rizza». Queste le parole scritte su due modelli di manifesti funebri apparsi all'indomani della mancata elezione a deputato regionale dell’ex primo cittadino del centro in provincia di Siracusa.

Rizza, candidato nella lista di Forza Italia e inserito nelle fila dei cosiddettiimpresentabili, non è riuscito a occupare uno dei cinque scranni aretusei fermandosi a quota 4.929 voti. Il forzista nel vivo della campagna elettorale era stato arrestato per l'inchiesta sui presunti appalti truccati e per lui la magistratura aveva disposto per lui il divieto di dimora. «I funerali avranno luogo fuori da Priolo», si legge nela parte conclusiva del manifesto.

Sotto il nome e il cognome scritti in grassetto, la tradizionale scritta che si legge sempre nei necrologi affissi sugli appositi spazi nei muri delle città: «Addolorati ne danno il triste annuncio». E di seguito i nomi di altri politici locali ritenuti vicini a Rizza (in una versione definiti «cricca»): il sindaco di Melilli Giuseppe Carta, l'ex presidente del consiglio comunale priolese Giovanni Parisi, l'assessore Beniamino Scarinci, i consiglieri comunali Lia La Duca e Yuri Bonafede «e quanti assieme a lui hanno provato il salto di qualità». Mentre restano invece ancora anonimi gli ideatori di questi falsi annunci mortuari. Dal canto suo, Rizza sembra intenzionato a presentare denuncia contro ignoti.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews