Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Cateno De Luca dai domiciliari attacca i magistrati
«Sapevo già dell'arresto, io sono un perseguitato»

Il neo-deputato regionale, eletto nella coalizione di Nello Musumeci e ritenuto tra i principali impresentabili, questa mattina è stato arrestato con l'accusa di evasione fiscale. Nonostante la misura cautelare, ha deciso di pubblicare un lungo post su Facebook dai toni provocatori

«Sapevo già che mi avrebbero arrestato». A offrire l'assist perfetto per rilanciare la polemica sugli impresentabili eletti con Nello Musumeci è Cateno De Luca, il neo-deputato finito questa mattina ai domiciliari con l'accusa di evasione fiscale nell'ambito di una vicenda legata alla Federazione nazionale autonoma piccoli imprenditori (Fenapi) e ai Caf a essa collegati. Il politico Udc intorno a mezzogiorno fa ha pubblicato su Facebook un lungo post in cui dice di non essere stato stupito: «Già certi ambienti mi avevano avvertito - rivela il parlamentare regionale, in un post che potrebbe contravvenire alle prescrizioni relative alla misura cautelare -. Oggi più di ieri vi dico che anche questo procedimento finirà come gli altri quattordici: archiviati o con sentenza di assoluzione». 

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.