Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Migranti, a Pozzallo sbarca nave con quattro cadaveri
Oggi nuovo arrivo, a bordo corpo senza vita di bimbo

La prima nave ad arrivare nel centro del Ragusano è stata Aquarius della ong Sos Mediterranée. Questa mattina, invece, attraccherà l'imbarcazione della tedesca Sea Watch, con 58 persone recuperate nel Mediterraneo.

Redazione

Nuova tragedia nel Mediterraneo. La nave Aquarius della ong Sos Mediterranée ha recuperato i corpi senza vita di quattro persone - tre uomini e una donna - che tentavano di raggiungere l'Europa. I cadaveri sono stati portati nel porto di Pozzallo, e successivamente portati all'obitorio di Scicli e in una sala mortuaria dell'ospedale di Modica. 

Un nuovo arrivo è previsto per questa mattina. La nave della ong Sea Watch attraccherà con 58 migranti a bordo. Tra loro anche il corpo senza vita di un bambino.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×