Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regionali, il comitato di Musumeci scalda i motori
Stancanelli: «Da qui ricostruzione del centrodestra»

Secondo l'ex sindaco di Catania, tessitore nella costruzione della coalizione ampia, gli impresentabili «non potranno nemmeno parlare con il nostro presidente». I giornalisti, distratti da un segnale wifi incerto, quasi si perdono le prime due proiezioni

Marco Militello

Foto di: Marco Militello

Foto di: Marco Militello

Nello Musumeci si farà vedere al suo quartier generale quando i dati sulle elezioni regionali 2017 si saranno stabilizzati, presumibilmente a mattino inoltrato. All'hotel Nettuno, dove il centrodestra ha allestito il comitato elettorale, ci sono invece l'europarlamentare Salvo Pogliese, nelle vesti di padrone di casa, l'ex sindaco di Catania Raffaele Stancanelli, che - sottotraccia - avrebbe avuto un ruolo decisivo di tessitura nella ricostruzione del campo conservatore siciliano, e Enrico Trantino

I giornalisti, in apprensione per l'assenza di un segnale wifi stabile, quasi si perdono le prime tre proiezioni Rai, l'ultima con copertura del campione al 15 per cento. Musumeci e Cancelleri, come previsto, si sfidano in un testa a testa in cui, al momento, prevale di poco il catanese (36 a 34, con Micari al 19,5 e Fava al 9 per cento). Il divario tra i due principali competitors, rispetto alle prime due proiezioni, è aumentato leggermente. 

Nessuna esultanza dallo staff e dai politici presenti. Al contrario. Stancanelli, scafato, vaga per i banchi a predicare prudenza. A chi gli chiede se ha seguito le ultime code della polemica sui cosiddetti impresentabili nelle liste della coalizione, ricorda di «aver parlato già nelle scorse settimane», a nome di Diventerà bellissima. «Ritengo che stamattina non si debbano fare polemiche, e si debba guardare al risultato». Dopo, «chi non avrà le carte in regola non avrà nemmeno la possibilità di parlare con Musumeci». 

Frattanto il segnale wifi viene potenziato da tecnici contattati dall'entourage del centrodestra. I giornalisti cominciano a rilassarsi. «Di fronte alle resistenze - prosegue l'ex sindaco etneo - alla fine c'è stata un'aggregazione su questa ipotesi civica. Se Musumeci vince con questo ruolo da federatore - conclude - la classe dirigente nazionale non potrà non tenere conto della Sicilia».  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews