Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Indagini su donna morta in ospedale a Catania
Aveva fatto la spola tra strutture del Ragusano

La Procura di Catania ha aperto un fascicolo per omicidio colposo per chiarire le cause della morte della 52enne Concetta Terranova, avvenuta lo scorso 20 ottobre dopo tre mesi di calvario. La famiglia ha presentato un esposto ai carabinieri

Valentina Frasca

Perché è morta la 52enne pozzallese Concetta Terranova? La Procura di Catania ha aperto un fascicolo per omicidio colposo e lesioni personali colpose nei confronti di cinque medici per il decesso avvenuto il 20 ottobre all’ospedale Garibaldi di Catania, dopo tre mesi e mezzo di calvario che hanno visto la donna fare la spola tra gli ospedali di Modica e Scicli.

La drammatica vicenda della signora Terranova, infatti, è iniziata il 5 luglio con forti dolori addominali e sangue nelle urine. Da lì il primo ricovero, al Maggiore di Modica, i controlli e le dimissioni. Qualche giorno dopo i sintomi si ripresentano e la 52enne viene di nuovo ricoverata, prima a Modica e poi a Scicli, e sottoposta ad una serie di controlli. Il 5 ottobre le sue condizioni si aggravano e subentra la febbre; la donna torna all’ospedale di Modica, dove viene sottoposta a diverse trasfusioni. Nel giro di pochi giorni, però, la situazione precipita e il 16 ottobre i familiari decidono di trasferirla a Catania, dove i medici del Garibaldi le riscontrano valori anomali nel sangue e una forte disidratazione che l’hanno portata alla morte, quattro giorni dopo.

Sconvolti e increduli, i familiari della povera donna si sono quindi rivolti allo Studio 3A, società specializzata a livello nazionale nella valutazione delle responsabilità in ogni tipologia di sinistro, compresi i casi di presunta malasanità, ed è stato presentato un esposto ai carabinieri di Pozzallo indirizzato alla Procura di Catania per chiedere tutti gli accertamenti necessari a chiarire le cause del decesso e a capire se qualcuno abbia sbagliato, disponendo il sequestro delle cartelle cliniche integrali e l’esame autoptico.

Le istanze della famiglia di Concetta Terranova e di Studio 3A sono state adesso accolte dalla Procura di Catania e il Pubblico Ministero, Agata Santonocito, ha aperto un fascicolo per omicidio e lesioni personali colposi, iscrivendo come atto dovuto nel registro degli indagati cinque sanitari in servizio negli ospedali di Modica e Scicli di età compresa tra i 34 e i 52 anni. Il sostituto procuratore, inoltre, ha disposto l’autopsia sulla salma della vittima incaricando il dottore Giuseppe Ragazzi, noto medico legale di Catania, che l’ha già effettuata ieri pomeriggio. Per avere risposte bisognerà adesso attendere il deposito della perizia da parte del consulente tecnico.

«L’Azienda Sanitaria di Ragusa - comunica in una nota l'Asp iblea - ha prontamente interessato la direzione sanitaria degli ospedali riuniti di Modica e Scicli per avere un quadro chiaro e dettagliato sul tragico avvenimento. Il dottor Piero Bonono, direttore sanitario dei presidi ospedalieri, ha comunicato al Commissario, Salvatore Lucio Ficarra, che si è immediatamente interessato. Da una prima verifica degli atti risulta che la signora era arrivata in ospedale, dopo un anno di allettamento a domicilio, in condizioni sociali disastrose. Siamo comunque fiduciosi nell'indagine interna che si sta conducendo e, tra qualche giorno, forniremo il resoconto di quanto accaduto».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×