Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regionali, sull'Autonomia è scontro tra centrodestra e Pd
Armao: «Pensano che Sud sia affetto da minorità culturale»

Se su tanti temi le posizioni tra le due principali coalizioni sembrano intrecciarsi, e a volte anche confondersi, le idee su cosa fare dello statuto speciale della Sicilia sono molto radicate. Ieri il confronto a distanza ha visto protagonisti Armao e Faraone. A esprimersi anche la ministra per la Semplificazione Marianna Madia

Loredana Passarello

L’Autonomia regionale della Sicilia è ancora terreno di scontro tra le forze politiche. E questa volta,   in una campagna elettorale che si concluderà il 5 novembre con il voto sulla scelta di chi dovrà guidare la prima regione italiana ad aver ottenuto lo statuto speciale (maggio del 1946, perfino prima della Costituzione italiana), la questione si fa più delicata. 

Mentre infatti su diversi temi le posizioni dei candidati si intrecciano e si confondono, sull’impianto della costituzione siciliana è più che chiaro un netto scontro tra il centrodestra di Nello Musumeci, che ha designato come assessore all’Economia l’autonomista (con nostalgie secessioniste) Gaetano Armao, e il centrosinistra, in particolare l’area dem di Renzi-Faraone a sostegno di Fabrizio Micari. Faraone, ignorando il risultato dei referendum in Lombardia e Veneto, che chiedono ora a gran voce una trattativa con lo Stato per ottenere maggiore autonomia, ha innescato un trend contrario. Intercettando forse un cambio di passo degli elettori siciliani rispetto al 2008, quando elessero Raffaele Lombardo con il risultato storico del 63,5 per cento a sostegno di un programma tutto autonomista. Ieri, supportato dalla ministra per la Semplificazione amministrativa Marianna Madia, a Palermo per un incontro sul precariato, Faraone ha rilanciato la proposta di un referendum per abolire l’autonomia e riportare i poteri speciali della Regione in materia di beni culturali, agricoltura, pesca, enti locali, ambiente, turismo e polizia forestale nelle mani dello Stato centrale.

Alla proposta del sottosegretario alla Salute ed emissario di Matteo Renzi in Sicilia, non si è fatta attendere la risposta di Armao che ha giudicato gravi le sue parole. «Dimostrano il reale orientamento centralista e anti-autonomista del Pd - ha sottolineato - ma soprattutto svelano le ragioni che hanno ispirato lo smantellamento dell’autonomia finanziaria della Sicilia da parte di Crocetta e Baccei». Il leader del movimento Siciliani Indignati fa riferimento agli accordi che il governo Crocetta ha stipulato con Roma nell’ultima legislatura «che hanno fatto perdere ai siciliani almeno dieci miliardi di euro, rinunciando ai contenziosi favorevoli e al più che raddoppio del contributo al risanamento della finanza pubblica». Armao accusa gli avversari di fare differenze tra Settentrione e Meridione. «Meno Stato al Nord, più Stato al Sud per il centrosinistra - attacca - perché saremmo affetti da minorità culturale. Mentre proprio loro - ha detto riferendosi al centrosinistra e al governo di Rosario Crocetta - con incapacità hanno determinato lo smantellamento dello Statuto e devastato la Regione. Hanno perduto il referendum costituzionale, perderanno anche le elezioni regionali 2017. I popoli vanno verso il federalismo e l'Europa delle Regioni».

Ma a chiudere il sipario sull’autonomia regionale, nel caso il centrosinistra dovesse vincere le elezioni, è stata la stessa ministra Madia. «Posso chiudere il mio mandato - ha detto - con la circolare che consentirà a tutti i sindaci di assumere i precari e mi limito a ciò che in questo momento posso fare. L'autonomia è un tema più grande e non di questa legislatura». Poi ha aggiunto: «Non voglio entrare nella vicenda siciliana perché la Regione ha una sua autonomia speciale definita dalla Costituzione, però penso che il percorso nazionale sia un percorso virtuoso e che bisognerebbe continuare in questa direzione». 

Sta nell’autonomia, dunque, il tema su cui si gioca in modo più netto la partita tra le forze politiche, ed è su essa che si accentua ancora di più la frattura tra centrosinistra ed Mdp: «Faraone ha sostenuto che l'autonomia non serve alla Sicilia - ha detto il candidato di Cento passi per la Sicilia, Claudio Fava -. Micari ha risposto che quella dell'esponente di governo era solo una provocazione. Non si mettono d'accordo neppure su monarchia o Repubblica e vorrebbero tornare a governare la Sicilia». Anche sul tema dei temi della politica regionale dunque si allontana la prospettiva di una convergenza tra Pd ed Mdp, indispensabile dai numeri dei sondaggi, anche solo per ipotizzare un governo alternativo a destra e Movimento 5 stelle.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews