Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Musei e siti archeologici a rischio chiusura a dicembre
Sindacato: «Il personale ha già superato il monte ore»

A non escludere l'ipotesi è Giuseppe Salerno del Sindacato autonomo dipendenti della Regione. «Ben 450 dipendenti si trovano in questa situazione. Adesso è tutto nelle volontà di ogni singolo lavoratore che ha già sacrificato tante domeniche e giorni festivi per garantire la corretta fruizione delle strutture»

Andrea Castorina

Il prossimo natale turisti e semplici appassionati d'arte potrebbero trovare sotto l'albero un regalo indesiderato. A dicembre, infatti, si rischia la chiusura al pubblico di musei, gallerie d'arte, aree archeologiche e biblioteche della Regione. Il personale impiegato nei compiti di vigilanza, custodia e fruizione delle strutture ha esaurito il numero di turni previsto da una direttiva europea. Circa 80 poli culturali, tra cui La Zisa, Piazza Armerina e l'area archeologica di Selinunte, tra poco più di un mese potrebbero chiudere i cancelli, proprio in contemporanea all'inizio del periodo natalizio.

A lanciare l'allarme è il Sindacato autonomo dipendenti regione siciliana. «È stato abbondantemente superato - spiega Giuseppe Salerno - un terzo dei turni previsti dal contratto di lavoro, grazie anche a un accordo dipartimentale. Ben 450 dipendenti si trovano in questa situazione. Adesso è tutto nelle volontà di ogni singolo lavoratore che ha già sacrificato tante domeniche e giorni festivi, sottoponendosi a orari impegnativi per garantire la corretta fruizione delle strutture».

Ma il problema non riguarda soltanto la fruizione al pubblico. «A rischio - precisa Salerno - c'è anche la vigilanza che solitamente si espleta in tre turni fino alla notte. In questo caso scontiamo un sottodimensionamento a causa di una mancata programmazione. A Selinunte, ad esempio, per sopperire alle mancanze gli addetti all'area amministrativa spesso vengono impiegati anche nell'area tecnica».

Come se non bastasse, si registrano criticità anche nel pagamento degli stipendi. «Lo straordinario del 2016 - continua Salerno - a molti non è stato corrisposto, così come il salario accessorio. È facile immaginare con quale stato d'animo si va a lavorare. Abbiamo chiesto al dipartimento regionale Beni culturali di farsi carico del pagamento delle spettanze dell’anno 2017, relative alla indennità di turnazione e di tutela e vigilanza». Agli uffici regionali ci si aspetta quantomeno che si mettano in atto le azioni necessarie per potere «pagare almeno i primi tre trimestri del 2017, per evitare quanto verificatosi quest’anno, dove i ritardi sono arrivati oltre i 18 mesi. Attendiamo risposte - conclude Salerno -. L'idea dello sciopero al momento non la prendiamo in considerazione: sarebbe controproducente. L'amministrazione ha un budget che potrebbe utilizzare quantomeno per le prestazioni di lavoro straordinario».

MeridioNews ha provato a contattare gli uffici regionali competenti per una replica, senza tuttavia ottenere risposte.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×