Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regionali, Minniti innalza misure di sicurezza per il voto
Per evitare infiltrazioni. Cancelleri: «Cittadini controllino»

«Nella nota fa riferimento al fatto che le organizzazioni criminali puntino a condizionare lo svolgimento delle competizioni elettorali», commenta Crocetta. Il Movimento 5 stelle ha incontrato oggi il segretario generale dell'Osce: «Loro hanno monitorato anche elezioni amministrative in Macedonia e Georgia» 

Simone Olivelli

Foto di: Umbria24

Foto di: Umbria24

Per vigilare sulle elezioni basterà il lavoro delle forze dell'ordine. Il ministro dell'Interno Marco Minniti conferma quanto già annunciato nei giorni scorsi, dopo l'appello di Giancarlo Cancelleri prima e Rosario Crocetta dopo in merito alla possibilità di chiedere all'Osce di inviare in Sicilia i propri osservatori. Al centro dell'attenzione del candidato presidente del Movimento 5 stelle e del governatore uscente il timore che il voto possa influenzato dalla criminalità organizzata. Un'ipotesi che è stata fatta nel pieno di una campagna elettorale in cui non sono mancati i riferimenti alle presunte vicinanze di alcuni aspiranti deputati a esponenti mafiosi.

A ribadire, però, che la libertà elettorale nell'Isola potrà essere difesa senza aiuti esterni è oggi il capo del Viminale. La notizia è data da Crocetta stesso, che fa accenno a una circolare inviata da Minniti ai prefetti siciliani. Nella comunicazione il ministro farebbe capire di non volere sottovalutare le possibili infiltrazioni. «Nella nota fa riferimento al fatto che le organizzazioni criminali, specie in contesti territoriali in cui risultino particolarmente radicate, puntino a condizionare lo svolgimento e risultati delle competizioni elettorali sia al fine di dimostrare la propria pervasiva presenza sul territorio sia per potersi infiltrare, con lo scopo di perseguire con maggiore efficacia i propri fini illeciti, nel governo della cosa pubblica», commenta Crocetta. Il presidente sottolinea poi che anche alla luce degli appelli fatti negli scorsi giorni «viene elevata al massimo la cornice di sicurezza e pertanto i piani e i servizi di vigilanza già predisposti dalle Prefetture». 

Cancelleri, dal canto suo, questa mattina ha fatto sapere di avere incontrato, insieme a Luigi Di Maio, il segretario generale dell'assemblea parlamentare dell'Osce. Un colloquio servito «a esprimergli di persona le nostre preoccupazioni per il voto». Da parte del candidato pentastellato, preso atto dell'impossibilità di organizzare una misura di controllo straordinario nell'Isola, è comunque arrivata una piccola frecciata a Minniti, che aveva ritenuto impossibile il coinvolgimento dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa per elezioni di carattere regionale. «L'Osce ha monitorato anche recentemente delle elezioni amministrative (a Skopje e Tbilisi per esempio) all'interno di elezioni generali dei Paesi presi in considerazione - ha scritto Cancelleri sulla propria pagina Facebook -. Anche se irrituale, il monitoraggio delle elezioni siciliane è fondamentale e le preoccupazioni, forti, da parte nostra rimangono». 

In tal senso, l'invito rivolto dal Movimento 5 stelle è quello di recarsi in massa ai seggi. «Mi appello anche a tutti i nostri attivisti, simpatizzanti ed elettori affinché diano la disponibilità a fare i rappresentanti di lista durante lo spoglio. Ogni scheda è importante», ha concluso il politico nisseno.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews