Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regionali, primo confronto tra candidati alla presidenza
Musumeci manda Armao, unici applausi per Cancelleri

Il confronto è stato organizzato dalle piccole e medie imprese dell'Isola, che hanno sottoposto agli aspiranti governatori alcune proposte per rilanciare l'economia. Parecchie critiche alla lentezza della burocrazia anche da parte di Micari. Mentre Fava ha sottolineato l'importanza di lavorare anche sulla domanda

Miriam Di Peri

Le piccole e medie imprese chiamano, i candidati alla presidenza della Regione rispondono. Quasi tutti. Ancora una volta vacante la sedia del candidato di centrodestra, Nello Musumeci, occupata con un’ora di ritardo rispetto all’orario indicato nell’invito dal vicepresidente designato Gaetano Armao. Il confronto è stato organizzato dalle Pmi siciliane per sottoporre ai candidati alla massima poltrona di Palazzo d’Orleans le loro dieci proposte per l'Isola.

Un confronto tutto sommato tiepido, coi candidati visibilmente stanchi e non particolarmente agguerriti. In linea, insomma, con una campagna elettorale che procede in sordina e che ha deluso le aspettative di molti. A uscirne a testa alta, in ogni caso, è il candidato pentastellato Giancarlo Cancelleri, l’unico a ricevere per due volte l’applauso della platea. A proposito degli imprenditori che a fatica portano avanti le loro aziende, Cancelleri ammette: «Guardi queste persone e ti chiedi se davanti hai un imprenditore o un eroe. In questi cinque anni la Regione se non è stata assente è stata il nemico pubblico numero uno». 

E se Cancelleri si avventura nella promessa di recuperare in un quinquennio, tra risorse nazionali e fondi europei, «un miliardo di euro per l’occupazione», è Claudio Fava, invece, a mettere il dito nella piaga dei disastri di cui spesso la Regione è stata protagonista in questi anni. «Se il bando sui voucher - ha attaccato il candidato di Cento passi per la Sicilia - cambia tre giorni prima e le domande che arrivano intasano il sistema, evidentemente c’è un problema di fattibilità. E poi stare vicini alle imprese significa anche conoscerle. Invece qui esportiamo due milioni di litri l’anno tra olio e vino, ma non produciamo bottiglie. Bisogna lavorare non solo sull’offerta - sottolinea - ma anche sulla domanda che arriva dal mercato. Invece abbiamo deciso di fare della formazione professionale, che per le imprese sarebbe importantissima, soltanto un vuoto a perdere».

Anche Micari stigmatizza la lentezza degli uffici, quasi fosse anche lui all’opposizione, rispetto all’esperienza di governo a termine. «Se per un’autorizzazione servono 40 pareri diversi, evidentemente siamo i primi nemici delle imprese, non c’è dubbio - dichiara -. Per questo il tema della semplificazione sarà al centro della mia agenda». «Per il disastro delle Asi - è stato invece il j’accuse di Gaetano Armao - il prezzo lo hanno pagato le imprese. Hanno creato delle aree industriali pessime: dal punto di vista logistico, del verde urbano, dell’accessibilità. In più bisogna guardare in faccia la realtà: il regime di accesso al credito si inasprirà ancora, le prospettive economiche non sono facili. Quelli appena trascorsi sarebbero stati anni cruciali per rilanciare l’economia, invece - ha concluso - è stata l’ennesima occasione sprecata».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×