Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regionali, meno di venti donne in corsa per un seggio
In Sicilia poche davvero protagoniste, molte riempiliste

La legge impone le quote rosa, ma per il resto i partiti sembrano ancora convinti a puntare sugli uomini. E questo vale sia a destra che a sinistra. Ecco, provincia per provincia, chi sono coloro che hanno più chance di riuscire ottenere uno scranno. Per le altre la candidatura sarà servita solo a fare rispettare la normativa

Miriam Di Peri

Anni di rivendicazioni letteralmente buttati a mare. Sicilia, anno 2017. Qui la parola protagoniste fa ancora rima con riempiliste. A liste chiuse e giochi fatti, le quote rosa ancora una volta sono state rispettate soltanto formalmente. E le donne realmente in corsa per uno scranno a sala d’Ercole sono veramente poche.

A giocarsi il seggio nel collegio di Palermo (dove i deputati eletti saranno in tutto 16), la presidente uscente della commissione Ambiente all’Ars, Mariella Maggio, in lista con i Cento Passi di Fava, che sfida all’ultimo voto tre uomini (l’uscente Pino Apprendi, il portavoce di Sinistra Comune, Luigi Carollo, e il vicepresidente designato Ottavio Navarra) per quell’unico posto che la lista potrebbe accaparrarsi nel capoluogo; la consigliera comunale Marianna Caronia, unica donna in pole in Forza Italia, che nella città panormita conta due, massimo tre seggi. Caronia se la vedrà con quattro uomini: Gianfranco Micciché, Giuseppe Milazzo, Riccardo Savona, Salvatore Lentini.

In casa dem l’unica donna che almeno in linea di principio lotta per l’elezione è la capogruppo uscente all’Ars, Alice Anselmo, che si giocherà le proprie chance coi colleghi deputati (dati comunque favoriti) Giuseppe Lupo e Antonello Cracolici. Anche perché difficilmente per il Pd potranno scattare tre seggi nel capoluogo. Ultima donna, infine, su Palermo in lizza per uno scranno all’Ars è l’assessora uscente Carmencita Mangano, in corsa con i Centristi di D’Alia a sostegno di Micari. Una poltrona per tre, anche in questo caso. Dove gli altri due sono uomini: il titolare dell’omonima clinica privata, Mario Latteri, e il consigliere comunale Paolo Caracausi.

Non va meglio nelle altre Province. A Catania, ad esempio, a giocarsi i 13 seggi che scatteranno complessivamente in quel collegio sono quasi tutti uomini. L’unica donna ad ambire seriamente a una poltrona a sala d’Ercole, tra i candidati a sostegno di Musumeci, è l’ex sindaca di Tremestieri Etneo, Ketty Rapisarda Basile, candidata nelle file dell’Udc di Lorenzo Cesa, che sfida all’ultima preferenza i colleghi Carmelo Sgroi, Santo Trovato e Francesco Petrina. In Diventerà bellissima, invece, la disputa è tutta al maschile, tra Francesco Longo, Angelo Sicali, Giuseppe Zitelli e Giuseppe Arena, ma non è escluso che la candidatura dell’attrice Valeria Contadino possa riservare qualche sorpresa. In casa cinquestelle, invece, a correre per uno scranno sono le deputate uscenti Gianina Ciancio e Angela Foti, insieme all'attivista di Misterbianco Jose Marano.

Anche sullo Stretto la situazione non è diversa. Favorite nella corsa verso palazzo d’Orleans Raffaella Campo, candidata nella lista Cento Passi, che sfida i colleghi candidati Giuseppe Grioli e Maurizio Rella, e Chiara Serrantino, avvocato, candidata in Diventerà bellissima. Tra i candidati pentastellati, invece, la favorita è la deputata uscente Valentina Zafarana. È di Messina, inoltre, il caso della candidata a sua insaputa che, nel caos della 72 ore per chiudere le liste dem, sarebbe finita tra i nomi senza esserne informata, salvo poi essere rimossa. «Ah - ammette in imbarazzo la protagonista della vicenda, Liliana Modica, a Meridionews - quindi avete saputo anche questo».

Poche le donne davvero protagoniste anche negli altri collegi. Ad Agrigento in corsa per uno scranno sono Giusy Savarino, braccio destro di Musumeci e favorita nella lista di Diventerà bellissima, e la vicepresidente della Regione Mariella Lo Bello, che sfida il collega Giovanni Panepinto (ma in molti sono pronti a scommettere che il seggio scatti per quest’ultimo).

Buone possibilità nella lista Cento Passi a Siracusa, ammesso che scatti il seggio in quel collegio, è Annalisa Stancanelli; mentre in Forza Italia a giocarsi realmente la possibilità di un ingresso all’Ars è Rosaria Cannata. A Caltanissetta ad avere una chance potrebbe essere Anna Comandatore, candidata di Diventerà bellissima, mentre a Trapani, sempre nella stessa lista a sostegno di Musumeci, potrebbe aggiudicarsi un posto a sala d’Ercole Giuseppina Corso. Per i cinquestelle in corsa invece la deputata uscente Valentina Palmeri. Pentastellata anche l’unica donna a giocarsi uno scranno nel collegio di Ragusa, dove in corsa c’è la deputata uscente Vanessa Ferreri.

A Enna le favorite sono Gaetana Palermo, in corsa con Forza Italia, e Luisa Lantieri tra le file dem. Ma nel collegio ennese scatteranno soltanto due seggi complessivamente ed è molto probabile che almeno uno dei due possa andare ai cinquestelle, dove in corsa c’è Elena Pagana.

Neanche 20 donne, in totale, sui 62 seggi che saranno assegnati all'Assemblea Regionale. A questi infatti si aggiungono, per arrivare ai 70 posti complessivi, il futuro governatore e lo sconfitto col miglior risultato (in entrambi i casi si tratterà sicuramente di uomini, visto che in corsa per palazzo d'Orleans non c'è nemmeno una donna). E poi tre dei sei candidati indicati nei listini regionali. Una quota imposta dalla legge, in assenza della quale è facile immaginare come le donne non avrebbero avuto tutto questo spazio nei listini dei presidenti. Insomma, la politica? Sostantivo femminile. Ma di qua a esserne protagoniste, le donne, di strada ne passa non poca.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×