Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Niscemi, confisca per il dentista di Cosa Nostra
Terreni, capannoni e fabbricati passano allo Stato

Provvedimento definitivo per Giuseppe Amedero Arcerito, già condannato per associazione mafiosa e in Appello per l'omicidio di Alfredo Campisi. Il medico compare nelle principali indagini su Cosa Nostra del Comune nisseno, dove continua a vivere, gravato solo dall'obbligo di dimora

Redazione

Passano definitivamente allo Stato i beni confiscati al dentista di Niscemi Giuseppe Amedeo Arcerito. Due fabbricati, 15 terreni e 34 capannoni, un’auto e tre mezzi agricoli, tutti ricadenti nel Comune di Niscemi, per un valore complessivo di circa 5 milioni e 200mila euro. A eseguire il provvedimento sono stati gli agenti della polizia e i militari della Guardia di finanza di Caltanissetta. Il decreto di confisca è diventato irrevocabile lo scorso 12 settembre, dopo la sentenza della Cassazione.

Il 64enne medico compare nelle principali indagini su Cosa Nostra a Niscemi. È stato condannato a tre anni per associazione mafiosa, per vari episodi di estorsioni ed altro e secondo gli inquirenti ha avuto un ruolo di primo piano nell'organizzazione dell'associazione criminale. È coinvolto nel processo per l'omicidio di Alfredo Campisi, giovane esponente della mafia niscemese ucciso nel 1996. Per questo delitto Arcerito è stato condannato in Appello all'ergastolo nel giugno del 2016. Al momento, però, risulta sottoposto soltanto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora a Niscemi, con quotidiana presentazione alla polizia giudiziaria e di permanenza in casa nelle ore serali. Al termine di questa misura interdittiva, Arcerito dovrà essere sottoposto alla sorveglianza speciale, disposta dal Tribunale di Caltanissetta. 

I beni adesso definitivamente confiscati risultano essere intestati allo stesso dentista, alla sorella Rosaria e al marito, Calogero La Rosa, ed erano stati sottoposti a sequestro nel gennaio del 2014, ai sensi della normativa antimafia. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, Arcerito affittava i capannoni ad altre società. Le indagini hanno permesso di accertare che il medico non aveva la capacità economica per acquisire il patrimonio confiscato, «se non - specifica la Finanza - ricorrendo a risorse alternative illecite e di verificare la sproporzione tra i redditi dichiarati rispetto al valore dei beni acquistati».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×