Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Megafono si ritira? In ballo incarico da Renzi per Crocetta
La Commissione antimafia passerà in esame tutte le liste

Alla vigilia della presentazione degli schieramenti, nel centrosinistra il rebus è irrisolto. Il segretario del Pd ha preso in mano la situazione. Ma la prospettiva di un passo indietro del presidente uscente per rafforzare il progetto di Leoluca Orlando Arcipelago Sicilia sarebbe vincolata a una chiamata dalla Capitale

Miriam Di Peri

Orlando è nei guai. E Rosario Crocetta alza la posta in gioco. L'ultima sera prima della presentazione delle liste è un susseguirsi di indiscrezioni dal quartier generale di Fabrizio Micari. «L’unica certezza - sostengono i bene informati - è che anche domani si continuerà a ballare». Il tema resta lo stesso: la lista Arcipelago Sicilia-Micari presidente rischia di non essere presentata perché mancano i candidati. «Non sono sufficienti nemmeno per la lista di Palermo», ripetono infuriati gli alleati. Ma i vicinissimi al primo cittadino del capoluogo non hanno dubbi: «La lista del presidente ci sarà - sottolineano a più riprese alcuni candidati di Arcipelago Sicilia -. A Palermo è molto forte, nelle altre province si rafforzerà nelle prossime ore, in ogni caso Orlando ha fatto la sua parte».

«Crocetta ha tutti i candidati? - sussurra qualcuno, sibillino - Bisogna vedere se portano più di 30 voti ciascuno». Insomma, il nodo a poche ore dalla presentazione delle liste, è tutto là: Orlando non ha i candidati (ma ha la lista del presidente in mano), Crocetta ha i candidati, ma non rinuncia al simbolo del Megafono. O quantomeno non senza una contropartita. 

In una giornata contraddistinta dalle trasferte romane, la questione sarebbe finita in mano a Matteo Renzi. E diverse voci di corridoio parlano di un «riconoscimento politico significativo» che il governatore uscente chiederebbe per rinunciare al simbolo del Megafono. Sempre secondo le indiscrezioni che si sono susseguite nel pomeriggio, quel riconoscimento politico potrebbe concretizzarsi in un incarico governativo

Ma i forse sono tanti. E chi, nel frattempo, resta sempre più in bilico è Leoluca Orlando. Che, dal canto suo, sostiene che «la consegna delle liste sarà certamente un momento importante perché dà un segnale di svolta e cambiamento alla vita della Regione, specialmente con la candidatura di Micari che ha tutto il nostro sostegno e la nostra solidarietà. Noi - aggiunge - stiamo facendo appello a tutte le forze politiche perché sostengano questa candidatura che è autenticamente alternativa a tutte le altre e di grande prestigio, decoro, dignità. Credo che i siciliani la meritano per superare momenti per i quali quali qualcuno in passato ci ha fatto vergognare di essere siciliani». A chi gli ha chiesto conferma sull'ipotesi di fusione delle liste di Arcipelago e Megafono, Orlando ha risposto: «Ci sarà una lista del presidente che sarà di riferimento e sarà accanto alle altre liste che concorreranno a questo risultato».

E se in serata è previsto un vertice-fiume della lista Arcipelago, con la presenza dello stesso Orlando e del candidato alla presidenza, nel pomeriggio la commissione parlamentare Antimafia ha reso noto che farà un lavoro di controllo sulle liste dei candidati. È stata decisa anche una missione a Palermo per la prossima settimana. Intanto, però, il rebus resta lo stesso. E fino all’ultimo non sarà chiaro quali e quante liste sosterranno Micari nella corsa verso palazzo d’Orleans.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews