Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Listino e squadra di governo, Micari fa i nomi
Fuori Ardizzone, dentro Abramo e Torregrossa

Il candidato governatore del centrosinistra annuncia gli assessori designati e i componenti del listino, a cui scatterebbe automaticamente il seggio in caso di vittoria del rettore di Palermo. Alessandro Baccei confermato all'Economia. «Gli dobbiamo larga parte del merito di un bilancio risanato», dice

Miriam Di Peri

Foto di: Simone Olivelli

Foto di: Simone Olivelli

Fuori i centristi dal listino di Fabrizio Micari. Il rettore candidato alla presidenza della Regione in conferenza stampa annuncia i nomi che compongono il listino del presidente: oltre al suo, tre quote per il Pd, una per Sicilia Futura, una per il Megafono e una per Ap. Non c’è spazio, insomma, né per Giovanni Ardizzone, né per Carmencita Mangano. I sei nomi sono la capogruppo del Pd all'Ars Alice Anselmo, il deputato di Sicilia Futura Nicola D’Agostino, la vicepresidente della Regione Mariella Lo bello, il responsabile organizzativo del Pd Antonio Rubino, la deputata del Pd, ex Articolo 4, Valeria Sudano, il deputato di Alternativa popolare Vincenzo Vinciullo.

Si tratta di una lista di nomi certamente destinata a far discutere, a cominciare dall'esclusione dei Centristi di Giampiero D'Alia (ma la presenza di Vinciullo nel listino potrebbe garantire in caso di vittoria il seggio a Sorbello su Siracusa) e dai nomi individuati in quota Pd. Né Sudano, né Rubino, infatti, sarebbero dovuti apparire nelle liste dem. Ma evidentemente lì a fare gioco forza sarebbe stato, nel caso di Sudano, l'esigenza di rafforzare la lista su Catania (dove invece Forza Italia ha schierato un plotone di portatori di voti) e l'esigenza su Palermo di non operare una scelta tra i due big in corsa: Antonello Cracolici e Peppino Lupo, virando invece su Rubino. Intanto il segretario Fausto Raciti incassa il grazie di cento dirigenti dem per avere indicato Rubino: «La scelta di Antonio Rubino - scrivono - rappresenta in modo chiaro ed evidente la faccia del Partito Democratico nella battaglia per Fabrizio Micari presidente della Regione. Se prima eravamo motivati adesso lo siamo di più».

«Abbiamo completato - sottolinea invece Micari - con tempi e modalità serene il listino del presidente. Con una discussione che certamente c’è stata, che tiene conto delle sollecitazioni giunte dai diversi partiti e che rispetta i vincoli della parità di genere».

Micari presenta anche i primi quattro assessori designati in caso di vittoria. Riconfermato Alessandro Baccei all’Economia, «gli dobbiamo larga parte del merito di un bilancio risanato», dice il candidato presidente; Emiliano Abramo, responsabile della comunità di Sant’Egidio, alle Politiche Sociali; il giovane imprenditore Giuseppe Biundo, vicino al sottosegretario alla Salute Davide Faraone, alle Attività Produttive; e la scrittrice Giuseppina Torregrossa alla Cultura. «Sto cercando di caratterizzare questa candidatura - sottolinea Micari - con idee e contenuti, non inciampando nelle polemiche, ma cercando di proporre progetti».

Anche qui, i nomi degli assessori sono destinati a sollevare scontento. Se in casa Centristi si sceglie la via del «no comment», segno di panni sporchi che si preferisce lavare prima in casa, ecco che diverse voci di corridoio confermano che i partiti della coalizione avrebbero appreso la notizia dei quattro assessori designati dalla stampa. Tolto Baccei, la cui riconferma appariva assodata, e Biundo, rimasto fuori dal listino e rientrato dalla finestra della giunta, Torregrossa e Abramo sarebbero, insomma, i nomi in quota Micari. «A questo punto - si sussurra dalle parti degli alleati di Micari - i nomi che mancano spettano ai partiti».

Intanto a margine della conferenza stampa, ecco il candidato alla presidenza commentare le ultime polemiche in tema di abusivismo edilizio: «Inutile girarci attorno, c’è una normativa. Quello che non è consentito dalle normative, per me non va bene». A chi chiede a Micari se i candidati di Arcipelago Sicilia confluiranno nelle liste del Megafono, il rettore replica senza indugio che «si fa la lista del presidente, su questo non ci sono dubbi. Sto cercando di fare in modo che, accolte tutte le disponibilità alla candidatura, si lavori per massimizzare il risultato. Bisogna organizzare le liste in modo tale che il risultato sia il massimo possibile». Nella lista del presidente ci saranno innesti da altri partiti? «Se sono utili per ottimizzare il risultato, sì. Per raggiungere l’obiettivo - conclude ironicamente - di certo non stiamo impiegando il minimo sforzo, ma sono certo che arriveremo al massimo risultato».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews