Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Gela, mogli gestivano il potere dei mariti detenuti
Tra droga ed estorsioni anche per pagare il fioraio

L'operazione Donne d'onore ha colpito gli affari della famiglia Liardo, legata al clan Emmanuello. A finire nelle indagini sono state Monia Greco e Maria Teresa Chiaramonte, partner di Nicola Liardo e Salvatore Crisafulli. Entrambi avevano trovato un modo per continuare il proprio business, grazie pure al giovane Liardo

Alberto Sardo

Gli ordini partivano dal carcere e venivano eseguiti da chi stava fuori, con la supervisione delle consorti. Sta in questo sistema di gestione e perpetuazione del potere criminale il cuore dell'inchiesta Donne d'onore, condotta dai carabinieri sotto il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta. 

Sette le misure cautelari eseguite a Gela. Disposta la detenzione in carcere per Nicola Liardo, 43 anni; Salvatore Crisafulli, 39 anni; Giuseppe Liardo, 20 anni, e Salvatore Raniolo, 27 anni. I primi due erano già detenuti. Arresti domiciliari, invece, per Monia Greco, 40 anni, e Maria Teresa Chiaramonte, 44 anni. Le due sono rispettivamente la moglie di Nicola Liardo e la compagna di Crisafulli. Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, erano loro a fare da tramite tra i partner e il mondo esterno. Infine, il gip ha previsto l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per Dorotea Liardo, figlia 22enne di Nicola e sorella di Giuseppe. I reati contestati sono di associazione finalizzata al traffico illecito di stupefacenti, estorsione aggravato dal metodo mafioso e danneggiamento con colpi di arma da fuoco.

La famiglia Liardo è legata a Cosa nostra, e nello specifico alla famiglia gelese degli Emmanuello. L'inchiesta, coordinata dalla procuratrice aggiunta Lia Sava, è iniziata nel 2015 dopo alcuni danneggiamenti a colpi di arma da fuoco. Le intimidazioni sarebbero seguite ad alcuni debiti non saldati legati allo spaccio di droga. Starebbe, infatti, proprio nella gestione degli stupefacenti a Gela, una delle principali attività criminali della famiglia Liardo, con Nicola che in carcere avrebbe legato con il compagno di cella Crisafulli. L'approvvigionamento avveniva a Catania, tramite il giovane Liardo che veniva istruito dalla madre. Il 20enne comprava la droga dalla compagna di Crisafulli, conosciuta con il nome di Mary, e poi la immetteva nel mercato locale grazie anche al contributo di Raniolo.

A finire nelle indagini, che hanno riguardato anche l'intercettazione di circa 40 utenze telefoniche, anche alcune estorsioni a imprenditori locali. In un caso la vittima sarebbe stata costretta ad assumere il giovane Liardo, con l'obiettivo di ottenere una pena alternativa al carcere minorile. Il 20enne avrebbe avuto a disposizione anche un'arma, usata per effettuare i danneggiamenti e le intimidazioni. 

Il ragazzo avrebbe agito con un notevole grado di autonomia: «Durante il tragitto compiuto per comprare la droga è capitato che la usasse direttamente o la regalasse agli amici - hanno spiegato gli investigatori in conferenza stampa -. Ciò ha causato un debito alla famiglia di circa cinquemila euro. Ma il giovane operava estorsioni anche per tornaconti personali, ad esempio per pagare il debito contratto con il fioraio da cui aveva comprato i fiori per la fidanzata».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×