Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Lo youtuber Croix89 e l'addio amaro alla Sicilia 
«Milano pensa al nuovo, qui la gente non capisce»

Il creatore di contenuti web messinese, dopo l'annuncio di trasferirsi al Nord, ha suscitato non poche polemiche per le parole che ha riservato a Messina. Marco Merrino: «Scelgo una città che ha lo stesso ritmo di Internet, veloce. Sull'isola le persone non comprendono l'importanza del mio lavoro»

Alberto Palazzolo

Ha fatto molto parlare di sé in quest'ultimo mese Marco Merrino, conosciuto sul web come Croix89. Lo youtuber messinese, infatti, ha recentemente annunciato che avrebbe lasciato la sua città per proseguire la carriera di creatore di contenuti sul web a Milano, dopo un periodo di presenza altalenante sulla piattaforma web. Merrino, classe 1989, fa parte di quella che viene definita la prima ondata di YouTube Italia: da circa otto anni la piattaforma web ospita il canale Croix89, divenendo uno dei più caratteristici del panorama italiano, nonostante l'incostanza con cui vengono postati nuovi contenuti. Dopo l'annuncio del suo addio alla città dello stretto, non sono mancate però critiche per le parole che ha riservato a Messina. Ora lui cerca di spiegare la sua scelta.

«In Sicilia devi sempre chiedere il permesso per tutto, anche per fare riprese in certi posti - racconta a Meridionews Merrino in occasione del Comicon di Palermo - La gente non capisce: io non ho intenzione di insultare, ma semplicemente spesso le persone non comprendono l'importanza del mio lavoro. YouTube è una delle cose in cui sono bravo, anzi forse è l'unica. Da anni ho capito che questa è la strada per me ma, purtroppo, la Sicilia è un posto che non mi permette di continuare su questa strada».

La storia di Croix comincia qualche anno fa: «Fin da piccolo - ricorda - ho sempre avuto una telecamera in mano, questa è la versione poetica della storia di come ho iniziato. Quella invece verosimile è che ero solo e non sapevo cosa fare, avevo bisogno di attenzioni e facevo video con gli amici, iniziando a usare anche solo il telefonino». Con il passare degli anni, però, l'impegno è cresciuto e così anche il ritorno economico: «Ho cominciato a impegnarmi di più e a vedere YouTube come qualcosa da proseguire quando è iniziata la monetizzazione dei video: ero piccolo e a quell'età fai dei lavoretti di volantinaggio per mettere da parte qualche soldo, invece dal web vedevo arrivare belle somme, belle per un ragazzino di 14 anni ovviamente».

Il personaggio di Croix si è evoluto nel tempo, insieme al suo pubblico che è maturato al ritmo del canale. Marco Merrino è famoso soprattuto per il suo stile aggressivo, ma anche molto creativo, nell'analisi dei più svariati elementi della cultura pop, ma non solo. «Croix (cioè croce in francese, ndr) perché da giovane ero un personaggio sempre arrabiato, urlavo spesso - ha spiegato - Era uno sfogo personale il mio. Crescendo a Messina non avevo nessuno con cui condividere questa passione, mi tenevo tutto dentro ma, crescendo sul web, ho avuto la possibilità di viaggiare in molte città italiane. Così mi sono reso conto che non c'era bisogno di arrabbiarsi. In ogni caso questo spirito è sempre nel mio dna, in ogni video ce n'è sempre un po', ma ora ho capito quale deve essere la direzione della mia comicità».

Per anni il suo punto forte sono state le urla, protagoniste dei suoi video, sempre molto rapidi nello stile, ma con alle spalle un lavoro eccezionale di scrittura e soprattutto montaggio. Ora la svolta: «Ho scelto Milano - aggiunge - perché mi serve un posto dove stare tranquillo. Una nuova città è un grande cambiamento; dovrò abbracciare a pieno il ritmo di Milano, che in realtà è anche il ritmo di YouTube, o di internet in genere: molto veloce, bisogna sempre pensare al nuovo e rinnovarsi - conclude - Non c'è nessun posto migliore per quello che devo fare io».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×