Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regionali, mille persone per la prima di Genovese junior
«Consigli da papà. Conta l'entusiasmo, non il cognome»

A salutare l'arrivo del 21enne al Palacultura di Messina c'erano giovani da tutta la provincia. Ma anche adulti: «Da 20 anni voto il padre, e ora voterò lui», dichiara un dipendente del Comune. Nessun riferimento alla condanna del padre per lo scandalo Formazione: «Preferisco guardare al futuro», replica

Simona Arena

Il Palacultura Antonello da Messina, gremito di gente arrivata da tutta la provincia, ha salutato ieri pomeriggio la candidatura del rampollo di Francantonio Genovese. Con la freschezza dei suoi 21 anni, Luigi Genovese, in jeans, camicia con le maniche arrotolate e golfino sulle spalle ha ufficializzato la sua candidatura alle elezioni regionali del prossimo 5 novembre. Per il debutto politico, sono arrivati dieci pullman da tutta la provincia di Messina. 

Da San Fratello, Sant'Agata Militello, Castell'Umberto, Tortorici, Raccuja, Ucria, Patti, Barcellona, Castroreale, Terme Vigliatore e Milazzo sono arrivati soprattutto giovanissimi. Per molti di loro si tratterà del primo voto. «Sono curioso di conoscerlo, non so ancora se voterò per lui. Voglio sentire prima cosa dice e cosa propone», ammette Carmelo da Raccuja. La pensa così anche Gabriele da Castell'Umberto. A fare arrivare lui e molti altri ci ha pensato Paolo Conti, un fedelissimo della famiglia Genovese che ha organizzato i viaggi e coordinato l'arrivo al Palacultura di oltre 500 persone. «Altri ancora sono arrivati in auto - sottolinea - fanno parte del mondo dell'associazionismo e di circoli politici. Sono qui per conoscere Luigi Genovese di persona». 

A provare interesse verso la nuova leva della politica messinese non sono solo i ragazzi. Antonio andrà in pensione a novembre e lavora al Comune di Messina. «Da 20 il mio voto è per Genovese. Dalla sua prima candidatura con Crimi, sotto il simbolo della Margherita - spiega -. Voto l'uomo non il partito e ora che scende in campo suo figlio darò il mio voto a lui. E così farà anche la mia famiglia». 

Presente al gran completo anche la famiglia del candidato. Dallo zio e deputato regionale Franco Rinaldi alle sorelle Schiró. Chiaramente c'era anche papà Francantonio con il suo seguito politico: a cominciare dai consiglieri comunali che in blocco lo hanno seguito quando ha lasciato il Pd per transitare in Forza Italia. C'era l'attuale presidente del consiglio comunale di Messina, Emilia Barrile, che ha rinunciato alla sua candidatura all'Ars per lasciare spazio a Luigi Genovese. C'erano i consiglieri comunali Peppuccio Santalco e Carlo Abbate, il presidente della terza circoscrizione Lino Cucè e l'ex city manager del Comune di Messina, Emilio Fragale. Tra i big presenti anche Gianfranco Miccichè, il commissario di Forza Italia in Sicilia che ha sancito il passaggio di Francantonio Genovese in Fi, Renata Polverini, responsabile del dipartimento nazionale politiche del lavoro e sindacali di Forza Italia, e il designato alla vicepresidenza della Regione Gaetano Armao

Dal palco, Luigi Genovese ha parlato per mezz'ora. «È l'inizio di un percorso. Vediamo che strada prende, sicuramente siamo carichi di entusiasmo e abbiamo tanta voglia di fare. Non ho un leader di riferimento, direi che attualmente dobbiamo andare a cercarne di nuovi». Precedentemente, ai giornalisti che lo hanno atteso all'ingresso del Palacultura, aveva detto: «I consigli a mio padre li chiederò sempre. È la prosecuzione di un percorso. Non sarà semplice, inutile nascondersi dietro un dito, ma sono convinto che tutti insieme ci riusciremo». Quando gli si chiede se c'è qualcosa del padre - condannato a gennaio nello scandalo Formazione - che non farebbe, il giovane glissa: «Preferisco non guardare alla passato ma al futuro. Sono qui perché voglio confrontarmi con le persone». In ogni caso, parentela illustre o meno, avrebbe pensato a candidarsi perché, assicura, «conta l'entusiasmo, non il cognome».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews