Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Centrodestra, gli ex nemici sposano Musumeci
Le possibilità di vittoria cementano la coalizione

Da Micciché ad Armao, passando per Attaguile. Tutti quelli che nelle ultime settimane hanno cercato un'alternativa all'ex presidente della commissione regionale Antimafia, alla fine hanno optato per un unico candidato. «Ha vinto il richiamo alla responsabilità», dicono. A convincerli anche le difficoltà del centrosinistra

Miriam Di Peri

Tieniti stretti gli amici, ma ancora più stretti i nemici, recita una massima popolare. A leggere gli endorsement di oggi, che comunque non si riescono a contare, si fa presto a dimenticare le ruggini di ieri. E Nello Musumeci, visibilmente rinfrancato dopo le difficili settimane appena trascorse, è particolarmente a suo agio nei panni del leader, del garante della tenuta della coalizione

Si è presentato alla stampa ringraziando tutti i suoi compagni di viaggio. A cominciare da chi maggiormente aveva osteggiato la sua candidatura. Gianfranco Micciché, innanzitutto. Che negli ultimi mesi ha portato ad Arcore qualunque proposta immaginabile di candidatura alternativa all’ex presidente della commissione regionale antimafia. Micciché ha discusso (e spesso litigato) con chiunque dentro e fuori il suo partito, pur di non sostenere la candidatura di Musumeci. Ha rischiato di rompere il partito, perdendone comunque di fatto un pezzo, almeno a Palermo, con l’addio della famiglia Figuccia, in nome di un progetto alternativo a Musumeci. Di nomi ne sono girati tanti, ma alla fine il commissario forzista in Sicilia ha scelto di puntare sull’ex assessore di Raffaele Lombardo, Gaetano Armao. E poi c’è proprio lui, Armao, che con Musumeci non andava di certo a nozze, almeno fino a ieri.

C’era Vincenzo Figuccia, appunto. Che invocava il commissariamento del partito e che, alla fine, ha scelto l’addio alle armi dal recinto forzista. Sul carro del possibile vincitore è salito anche Angelo Attaguile, fino a qualche giorno fa pronto a mettere di lato Musumeci per avanzare invece la sua, di candidatura.

«È prevalso il buonsenso», «ha vinto il richiamo alla responsabilità», «la gente ha ritrovato entusiasmo». Quel che si ammette, ma rigorosamente a taccuino chiuso, è invece che davanti al disastro che si prospetta a sinistra, si è realmente aperto il varco di una vittoria che in alcuni momenti era sembrata invece inarrivabile e che ora sembra comunque una possibilità.

Ad abbandonare il campo è invece Fabrizio Ferrandelli, secondo cui «la candidatura civica di Lagalla rappresentava la proposta politica più affine al nostro percorso. A Palermo avevamo immaginato di aggregare forze politiche diverse, ma che si riconoscevano nel Partito popolare europeo, insieme a quelle più progressiste provenienti dal centrosinistra, lasciando fuori dal perimetro delle alleanze Fratelli d’Italia e Lega, oggi sostenitori principali di Musumeci. Forze che non solo sostengono il candidato, ma sembrano prevalere e dettare l’asse della coalizione».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews