Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regionali, il centrodestra ufficializza Nello Musumeci
«Insieme ad Armao rilanceremo l'autonomia siciliana»

In conferenza stampa all'Ars, il leader di Diventerà bellissima rende nota la propria candidatura a presidente della Regione. Attorno a lui i maggiori esponenti della coalizione. Da Micciché - «con lui il rapporto è più dolce che amaro» - a Roberto Lagalla. Presenti anche Schifani, La Russa, Falcone e Pagano

Miriam Di Peri

Lo stato maggiore del centrodestra siciliano è tutto nella sala stampa dell’Assemblea regionale siciliana, per stringersi attorno al candidato alla presidenza Nello Musumeci. Da Gianfranco Miccichè a Renato Schifani, da Ignazio La Russa a Marco Falcone, da Alessandro Pagano a Salvino Caputo, da Gaetano Armao a Roberto Lagalla. Dopo una notte di trattative, l’accordo c’è e il centrodestra unito si presenta ai siciliani.

«Questo è l’epilogo - dice Musumeci - di un percorso che, sarebbe inutile negarlo, è stato lungo e faticoso. Ma alla fine le scelte sono state meditate e condivise: il senso di responsabilità in ciascuno di noi è servito come lievito essenziale. Per questo voglio ringraziare i leader delle forze politiche, a cominciare da Gianfranco Micciché. È stato detto - prosegue il leader di Diventerà bellissima - che il mio rapporto con Micciché è agrodolce. Io lo definirei più dolce che amaro: abbiamo saputo trovare le ragioni che uniscono piuttosto che dare spazio a quelle che dividono, che sono assai poche».

Musumeci ringrazia poi Armao e Lagalla, sottolineando come con l’avvocato palermitano, «prima che sui ruoli, abbiamo trovato immediata intesa sulle cose da fare. A lui mi lega una comune visione dell’istituto autonomistico e la ferma convinzione del rilancio dell’autonomia in un mutato contesto nazionale ed europeo». Parlando di colui che fino a qualche giorno fa sembrava potere essere un rivale nella corsa a Palazzo d'Orleans, Musumeci aggiunge: «Armao è il nostro riferimento per l’elaborazione del programma, soprattutto per la parte economica». E sull'ex rettore di Palermo, pure lui in un primo momento intenzionato a correre da solo, dice: «Lagalla, leader di un movimento civico protagonista del dibattito politico negli ultimi mesi, ci ha aiutati a consolidare questa coalizione per evitare che le divisioni facilitassero la cattiva politica e la demagogia». Un chiaro rimando al Movimento 5 stelle, su cui il candidato del centrodestra torna in un altro passaggio, spiegando il suo antidoto: «L'unica via è l'autorevolezza e noi siamo serenamente convinti che la politica possa e debba tornare autorevole. La nostra sarà una giunta politica di alto livello». 

Nei prossimi giorni sarà definito il programma, che già la prossima settimana dovrebbe essere presentato. «È stato difficile - ammette il commissario forzista in Sicilia, Gianfranco Micciché - perché è oggettivamente difficile unire il centrodestra oggi. Per questo ringrazio Musumeci, Armao e Lagalla per la loro intelligenza, perché tutti hanno capito che si poteva fare un passo indietro e di lato per far fare un passo in avanti alla Sicilia. Oggi sono soddisfatto, perché ritrovo un enorme entusiasmo della gente e questo mi conforta del lavoro fatto».

«Ho chiesto al presidente Silvio Berlusconi - aggiunge Micciché - di evitare che il comunicato sul raggiunto accordo fosse dato dai partiti nazionali e che fossimo noi, da Palermo, a potere comunicare questo risultato. È importante dire ai siciliani che questa è una operazione politica siciliana, che ha messo insieme una coalizione unita e forte, ma che proporrà anche una giunta di grandissimo livello. Per battere la mala politica bisogna fare una buona politica, non avventurarsi nell’antipolitica. E noi ci presentiamo contro il geometra Cancelleri con una squadra di professionisti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews