Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regionali, Angelo Attaguile scarica Nello Musumeci
Lega Nord: «Posizione personale, diversa dal partito»

L'annuncio a sorpresa arriva per bocca del deputato nazionale Angelo Attaguile, che, rimettendo la decisione ultima nelle mani di Matteo Salvini, ha già anticipato di essere disponibile a mettersi in gioco in prima persona. Frena il vicesegretario della Lega: «Sono posizioni personali, non in linea con il partito» 

Simone Olivelli

Non solo Forza Italia, a scostarsi dalla figura di Nello Musumeci, come possibile candidato alla presidenza della Regione per il centrodestra, pare essere anche la lista Noi con Salvini. La presa di posizione arriva a sorpresa per bocca del segretario nazionale Angelo Attaguile che, pur ribadendo la stima per il fondatore di Diventerà bellissima, ammette che forse è giunto il momento di valutare altre possibilità in vista delle elezioni del 5 novembre.

«Mi spiace prendere atto che a distanza di mesi l'amico Nello Musumeci non è riuscito a portare a compimento il mandato di ricompattare il centrodestra siciliano - dichiara il parlamentare nazionale -. Adesso faccia un passo indietro lui per il bene del centrodestra in quanto ho appurato che non ci sono più le condizioni per una sua candidatura unitaria».

Le parole arrivano dopo settimane in cui attorno a Musumeci, che dal canto suo ha iniziato la campagna elettorale con l'affissione di manifesti nei quali campeggiano i contorni del suo volto e la scritta «L'unico pizzo che piace ai siciliani», si sono addensati i dubbi di chi, specialmente dentro Forza Italia, non riconosce nell'ex presidente della commissione regionale antimafia la figura giusta per tornare a vincere nell'Isola. Tra i più perplessi lo stesso Silvio Berlusconi, che in più di un'occasione ha fatto capire di preferire scelte diverse a partire da Gaetano Armao, e lo stesso commissario azzurro in Sicilia Gianfranco Micciché.

Sul dualismo Musumeci-Armao la coalizione di centrodetra si era d'altronde già spaccata. Con Forza Italia che, a eccezione di alcuni esponenti come il ragusano Giorgio Assenza, ha cercato di guardare oltre il politico etneo mentre altre formazioni hanno riconosciuto in Musumeci l'unico candidato valido. Tra queste Fratelli d'Italia e, appunto, Noi con Salvini, che adesso sembra però avere cambiato idea. «In ogni caso rimetteremo ogni decisione al nostro leader Mattero Salvini, che ci darà le indicazioni a cui attenerci», ha detto Attaguile. Aggiungendo di essere pronto anche a mettersi in gioco in prima persona. «Sono pure disposto a sacrificare il mio ruolo nazionale per restare qui in Sicilia a fianco dei miei conterranei che decideranno di sposare il nostro progetto di sincero rinnovamento e rilancio», ha concluso il politico di Grammichele.

A frenare la spinta in avanti di Attaguile è però il vicesegretario della Lega Nord Giancarlo Giorgetti che da Roma ha sottolineato che «l'unica proposta presa in considerazione è Nello Musumeci, posizioni diverse da queste sono espresse a titolo personale e non corrispondono a quella del movimento Ncs e Lega». Davanti a queste parole, il segretario di Noi con Salvini fa marcia indietro. «Ha detto così Giorgetti? Se è così non commento più - ha replicato Attaguile contattato da MeridioNews -. Certo, il tempo è poco e c'è bisogno che si sbrighino, ma decideranno i capi del partito».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews