Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Licata, le indagini sull'omicidio dell'agricoltore
Un fermo per droga, forse legame con il delitto

Anche se ancora non è confermata l'indiscrezione, una persona sarebbe stata fermata in seguito agli interrogatori della notte scorsa. L'accusa al momento sarebbe legata a reati in materia di stupefacenti ma potrebbe portare a un collegamento con l'agguato che ieri pomeriggio ha sorpreso il 52enne Giacinto Marzullo

Gero Rizzo

Gli agenti della squadra mobile di Agrigento, che insieme ai poliziotti del commissariato di Licata indagano sull’omicidio di venerdì sera in contrada Ritornella Margi, sono abbastanza fiduciosi sulla possibilità di risolvere il caso, di fare luce sul delitto di Giacinto Marzullo, agricoltore di 52 anni assassinato con cinque colpi di pistola calibro 9 mentre lavorava tra le serre del fondo di sua proprietà.

Le indagini sono coordinate dal pm Carlo Cinque, che ha disposto per lunedì mattina l’autopsia sul corpo della vittima. La squadra mobile, diretta da Giovanni Minardi, nel corso della notte ha sentito almeno una decina di persone, tra familiari, parenti e amici di Marzullo, e all’alba di oggi ha eseguito dei sequestri: un’autovettura e del materiale balistico.

Secondo indiscrezioni, la polizia avrebbe inoltre arrestato un uomo, accusato di reati legati allo spaccio di stupefacenti. L’uomo sarebbe finito in manette nell’ambito delle indagini sull’omicidio Marzullo, ma gli inquirenti non hanno ancora comunicato se il fermato abbia avuto un ruolo o meno nel delitto compiuto nelle campagne vicine alla spiaggia di Mollarella. Sviluppi sono attesi per le prossime ore.

Chiara sembra la dinamica dell'assassinio. L’uomo, quando ha visto i killer, avrebbe provato a darsi alla fuga, ma senza successo. È stato inseguito e ucciso con i proiettili che lo hanno raggiunto alle gambe e all’addome. A dare l’allarme è stata una telefonata anonima giunta alla sala operativa del 118, che segnalava un uomo riverso a terra, in una pozza di sangue. Quando i sanitari sono arrivati sul posto si sono resi conto che per l’agricoltore non c’era più nulla da fare e hanno dato l’allarme.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews