Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trapani sceglie il commissario, vota il 26 per cento
Savona: «Chi lo ha voluto si assuma responsabilità»

Ampiamente fallito il traguardo del 50 per cento di affluenza. Il candidato del Partito democratico non riesce a diventare sindaco e annuncia di non ricandidarsi tra un anno, quando la città tornerà alle urne. Intanto sia la giunta che il consiglio comunale verranno commissariati

Alla fine il vincitore è ancora lui: Girolamo Fazio e il suo ritiro calcolato per creare un percorso a ostacoli per chiunque fosse rimasto in corsa. E così Piero Savona, unico candidato al ballottaggio, non riesce a diventare sindaco, perché alla chiusura dei seggi la percentuale dei votanti si ferma a un imbarazzante 26,75 per cento, la più bassa d'Italia, oltre 32 punti in meno rispetto al primo turno. Ma anche 16 punti in meno rispetto alla media dei sette comuni siciliani chiamati ai ballottaggi. Il candidato del Pd: «Chi è stato responsabile di tutto questo, si assuma le sue responsabilità».

Savona infatti, per essere eletto, avrebbe avuto bisogno che il 50 per cento più uno degli aventi diritti si recassero alle urne e che almeno il 25 per cento votasse per lui. Traguardo fallito ampiamente. Trapani si avvia quindi verso il commissariamento sia della giunta, che del consiglio comunale.

Adesso si tornerà a votare tra un anno. Lo annuncia l'assessora agli Enti locali per la Regione Siciliana, Luisa Lantieri. «La prima tornata utile - dice Lantieri - è quella del 2018 quando si terranno le amministrative in altri comuni. Non è possibile votare in concomitanza alle regionali del prossimo novembre poiché la sessione straordinaria è consentita solo per i comuni sciolti per mafia».

Savona ha atteso i risultati all'interno del suo quartier generale, accanto ai suoi sostenitori. Alla fine, il miracolo tanto atteso non è però arrivato. Nonostante gli appelli e le marce, Trapani ha scelto l'astensione. Ha scelto il commissario. Tanta la delusione nei volti dei tanti che hanno affollato il comitato elettorale del candidato del Pd, unico rimasto in corsa per il ballottaggio dopo l'abbandono dell'ex deputato regionale Fazio.

Nessuno tra i presenti si aspettava il raggiungimento del quorum ma neanche un risultato così basso. Alle 23, con i seggi appena chiusi e la certezza del commissariamento, Savona ha voluto parlare ai suoi. «Non ho nulla da rimproverarmi - ha sottolineato - ho fatto quello che ho potuto. Speravo in un miracolo che non è arrivato. Abbiamo fatto una bella battaglia che non è andata a buon fine. Chi è stato responsabile di tutto questo, si assuma le sue responsabilità. È stata una campagna elettorale bellissima, abbiamo battuto sul campo D'Alì. Quello che abbiamo fatto lascerà qualcosa, non ci sentiamo sconfitti. La nostra unica preoccupazione adesso è per i nostri concittadini. Non tutti hanno avuto il coraggio di voltare pagina».

Finisce così la corsa di Savona, cominciata nove mesi fa tra lo scetticismo di molti che non si aspettavano neanche di arrivare al ballottaggio. Adesso il candidato dem dice di volersi solo riposare e ha già annunciato che non si ricandiderà il prossimo anno.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews