Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Melilli, carabinieri sequestrano schede di un seggio
Sindaco: «È una denuncia penale, risultato rimane»

I militari questa mattina hanno provveduto a prelevare le preferenze espresse e i verbali della sezione 10 di Villasmundo. Il candidato sconfitto, Giuseppe Sorbello, avrebbe denunciato irregolarità relative all'annullamento di alcuni voti. Ma per il neo-eletto, Giuseppe Carta, le cose stanno diversamente

Simone Olivelli

Scia di polemiche nelle elezioni amministrativeMelilli. Nel centro del Siracusano, che ha visto vincere al primo turno per una manciata di voti Giuseppe Carta, i carabinieri questa mattina hanno sequestrato le schede elettorali della sezione 10 in seguito a una denuncia del principale sconfitto, il deputato regionale Giuseppe Sorbello. Stando a quanto riporta l'Ansa, all'origine del sequestro ci sarebbe la contestazione da parte di Sorbello dell'annullamento di circa 20 schede che avrebbero riportato il suo nome. 

Modalità di voto - quella di scrivere il nome del candidato - non prevista per l'elezione dei primi cittadini e riservata invece ai consiglieri comunali. Tuttavia, è probabile che Sorbello abbia voluto rimarcare la chiara intenzionalità dell'elettore, anche se il principio contrasta - nel caso specifico - con la riconoscibilità della preferenza espressa. La sezione interessata si trova nella frazione di Villasmundo ed è stata l'ultima a essere stata scrutinata.

Tuttavia, a gettare acqua sul fuoco è il neosindaco che, contattato da MeridioNews, afferma di non essere a conoscenza di un ricorso amministrativo. «A me risulta che abbiano querelato penalmente il presidente del seggio e che in tal senso la magistratura abbia ordinato il sequestro per valutare il comportamento del pubblico ufficiale - dichiara Carta - mentre non hanno fatto ricorso per il risultato delle urne. Le schede annullate? Ce ne erano altre che riportavano il mio nome e sono state annullate. Come è giusto che fosse».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×