Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trapani si prepara al ballottaggio tra Fazio e Savona
Appello del candidato Pd al M5s: «Apriamo dialogo»

Stamattina aria di festa nei comitati elettorali dei due candidati che si contenderanno il secondo turno. Fazio chiude ad apparentamenti e attacca sulle vicende giudiziarie: «La gente ha appoggiato un uomo che ha dimostrato la sua correttezza nel corso dei dieci anni alla guida della città»

Pamela Giacomarro

Le facce deluse dalle prime proiezioni hanno lasciato spazio ai sorrisi. Pietro Savona adesso ci crede. Sarà il candidato del Pd a sfidare l'ex deputato regionale Girolamo Fazio al ballottaggio nella corsa alla poltrona di primo cittadino di Trapani. Savona ha staccato di circa mille voti il senatore Antonio D'Alì che in un primo momento, durante la lunga notte che ha accompagnato lo spoglio, era dato favorito e possibile sfidante di Fazio. 

Questa mattina, dopo essersi concesso qualche ora di riposo, Savona ha radunato i giornalisti nel suo comitato elettorale. Dopo i primi ringraziamenti, il candidato dem, che gode dell'appoggio di Paolo Ruggirello, ha parlato del voto del prossimo 25 giugno che designerà il successore dell'uscente Vito Damiano. «Non è un voto a me - ha sottolineato Savona nel corso del suo intervento - ma un voto per la città. Io voglio essere un sindaco che dialoga con tutti coloro che hanno voglia di fare». 

Sulla possibilità di stringere alleanze con gli sconfitti, Savona è deciso. «Non abbiamo intenzione di fare alcuna alleanza. Ci rivolgeremo a tutti i cittadini, anche gli elettori di Fazio, che hanno la possibilità di riflettere meglio. Noi parleremo alle coscienze degli elettori». Lascia invece uno spiraglio aperto al Movimento 5 Stelle. «All'interno del movimento - conclude - ci sono delle persone per bene che credono nel cambiamento. Ci sono dei presupposti per aprire un dialogo. Ci appelliamo anche a loro nell'interesse della città». 

Tanti volti stanchi ma sorridenti anche all'interno del comitato elettorale di Fazio, uno dei candidati più chiacchierati di questa campagna elettorale. Arrestato nell'ambito dell'operazione Mare Monstrum, attualmente si trova indagato a piede libero e con un provvedimento di divieto di soggiorno a Palermo. «Quello che è successo ieri sera - ha detto l'ex parlamentare regionale - era quasi impossibile da immaginare. Per quanto mi riguarda abbiamo già vinto. Uscire fuori con questo risultato è una grande vittoria» . 

Ovviamente Fazio si è soffermato sulla vicenda giudiziaria che lo ha investito in piena campagna elettorale. «L'obiettivo primario - ha affermato - è quello di uscire pulito dopo il fango che mi è stato scaraventato addosso. La gente ha appoggiato un uomo che ha dimostrato la sua correttezza nel corso dei dieci anni alla guida della città. Dimostrerò nelle dovute sedi la mia innocenza. In questo momento l'unico dato certo è che è stato ribaltato il risultato iniziale che ci vedeva tagliati fuori». A chi gli chiede se ha mai pensato di tirarsi indietro, risponde deciso. «Se mi fossi arreso, avrei fatto il gioco di qualcuno». Come Savona, anche Fazio esclude qualsiasi tipo di alleanza. «Non ho fatto apparentamenti con nessuno prima e non lo farò adesso».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews