Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Avola, Caruso si candida dopo 15 anni di opposizione
«Creerò occupazione realizzando il porto turistico»

Da consigliere di opposizione, prima con l'Udc e poi con due liste civiche, adesso prova il salto correndo per la poltrona di primo cittadino. «La città deve essere governata in modo collegiale, non come se il sindaco fosse un re. Io non sono il miglior candidato a sindaco, ma sono il meno peggio»

Marta Silvestre

Dopo 15 anni all’opposizione come consigliere comunale – prima con l’Udc e poi con due liste civiche – Paolo Corrado Caruso si candida alla carica di primo cittadino di Avola con la sua unica lista Uniti per Avola, nata dopo la rottura con il gruppo Partecipazione, Trasparenza e Legalità. Caruso, che è laureato in giurisprudenza e lavora in banca, non ha dietro nessun big della politica locale.

Perché ha scelto di candidarsi a sindaco?
«Da consigliere di opposizione mi sono sempre battuto per chi non ha voce in città. Adesso mi candido perché voglio dare una svolta alla mia città, soprattutto mettendo fine al clientelismo che ha dominato negli ultimi 15 anni. Io non prendo ordini da nessun politico e credo che la città debba essere governata in modo collegiale, non come se il sindaco fosse un dittatore, un re o un monarca. Io non sono il miglior candidato a sindaco, ma sono il meno peggio».

Quali sono i punti centrali del suo programma? A che cosa la città non può più rinunciare?
«Io non prometto posti di lavoro ad personam ma che creerò occupazione e sviluppo economico attraverso la realizzazione del porto turistico. Vogliamo stare vicino ai cittadini che per noi sono tutti uguali, senza favoritismi. Ho fatto la campagna elettorale con un budget di mille euro, perché non credo che la politica sia un investimento economico ma un servizio da rendere alla città, nel segno dell’onestà e della legalità».

Qual è la figura politica o tecnica (nazionale o internazionale) a cui si ispira?
«Io sono una persona di centro, rientro nei canoni della vecchia democrazia cristiana e non sopporto l’arroganza né della destra né della sinistra. Non mi ritrovo in nessun partito politico, io sono un cane sciolto e mi ispiro a don Luigi Sturzo per il suo esempio di coerenza».

In caso di ballottaggio, con chi si alleerebbe eventualmente nel secondo turno?
«Sono convinto di andare al ballottaggio, quindi non mi esprimo. È vero che con Simone Libro abbiamo una sintonia che ci lega a livello di amicizia e potremmo discutere con piacere per una futura alleanza, ma fare questo discorso adesso mi sembra prematuro».

Qual è l’avversario che teme di più?
«È normale che il più temibile sia chi ha amministrato la città perché ha dalla sua il vantaggio di poter far vedere quello che ha fatto, anche se mi sembra semplicemente normale».

Un pregio e un difetto della precedente amministrazione.
«L’arroganza è stata il peggior difetto. Il sindaco è stato un uomo solo al comando per cinque anni. Il pregio è stata la presenza costante al Comune e il fatto di aver lavorato in città».

Cosa non ha funzionato con il gruppo politico Partecipazione, Trasparenza e Legalità?
«Non è successo nulla di grave, ma dal punto di vista politico non c’è cosa peggiore di quando due gruppi si stringono la mano e poi se ne vanno senza spiegazioni. Mi dispiace perché se do la mia parola, poi vado avanti. Io rispetto la loro scelta però, di fatto, ci sono rimasto male perché è mancata la coerenza. Forse ritengono che il candidato (Pino Caldarella ndr) che appoggiano adesso sia più forte di me, ma io non volevo fare ammucchiate e credo che il tempo sarà il giustiziere di tutto».

Lei per 15 anni è stato all’opposizione. Se dovesse passare alla maggioranza crede che il suo ruolo sarebbe più semplice?
«Senza dubbio criticare le azioni amministrative è facile per tutti, mentre proporsi al governo della città è più difficile. Riconosco le difficoltà che ci sono nella realtà locale e anche i miei limiti e, per questo, mi circonderò di esperti che portino un contributo di valore per la città con i quali fare squadra. Mi piacerebbe trovare all’opposizione un consigliere comunale come sono stato io, che svolga bene il compito di organo di controllo e che garantisca la democrazia».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews