Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Floridia, l'uscente Scalorino si ricandida per il bis
«Qualcuno dei miei avversari è impresentabile»

Ha guidato la città per cinque anni senza una maggioranza in consiglio comunale. Adesso ci riprova - anche col sostegno di Enzo Bianco - sperando in un secondo mandato più sereno. «Spetta ai cittadini dare coerenza al voto tra sindaco e consiglieri». Tanti gli obiettivi: il piano rifiuti, quello di protezione civile e il bilancio

Marta Silvestre

Consigliere comunale per dieci anni e sindaco negli ultimi cinque, Orazio Scalorino corre di nuovo per la poltrona di primo cittadino di Floridia. L’avvocato, classe 1975, durante la tornata elettorale del maggio 2012, ha vinto il ballottaggio contro il candidato di Primavera Floridiana, Emanuele Faraci. Sin dal primo giorno, però, ha guidato la città senza maggioranza in consiglio comunale. Adesso ci riprova sostenuto da tre liste di centrosinistra e con quasi tutti gli ex assessori ricandidati. Sostenuto anche da Enzo Bianco. 

Perché ha scelto di ricandidarsi a sindaco?
«Perché ho un obbligo morale nei confronti della mia città, perché devo portare a compimento una serie di progetti che già sono stati finanziati e sono in cantiere, fra cui la ristrutturazione del campo sportivo e la riapertura dell’asilo nido. Ma soprattutto perché ho ancora tanta volontà di fare per la mia città».

Quali sono i punti centrali del suo programma? A che cosa la città non può più rinunciare?

«Noi non partiamo da zero, ma dai problemi che conosciamo e dalle soluzioni a cui abbiamo già pensato. In primo piano, c’è il nuovo piano per la gestione rifiuti che prevederà l’eliminazione di tutti i cassonetti, la raccolta porta a porta, la realizzazione di cinque isole ecologiche, la privatizzazione del centro comunale di raccolta gestito dalla stessa ditta che gestirà la raccolta dei rifiuti, per raggiungere il 65 per cento come previsto dalla legge. La seconda cosa che farò immediatamente sarà l’approvazione del bilancio. Terza cosa sarà l’adozione di un nuovo piano di protezione civile all’avanguardia. Poi mi impegnerò per le scuole, per la manutenzione di alcune parti della città e per la realizzazione di uno stallo sanitario per i cani randagi».

Qual è la figura politica o tecnica (nazionale o internazionale) a cui si ispira?
«Io non mi ispiro a una persona ma agli ideali della socialdemocrazia, di solidarietà e a tutti quei valori forti che hanno forgiato la cultura del centrosinistra europeo. C’è una frase importante del presidente Kennedy che mi è sempre rimasta impressa nel mio modo di fare politica: “Non pensare a quello che l’America deve fare per te, ma pensa piuttosto a quello che tu puoi fare per l’America”».

In caso di ballottaggio, con chi si alleerebbe eventualmente nel secondo turno?
«A parte qualcuno dei miei avversari, di cui non farò il nome, che è davvero una persona impresentabile perché è inadeguato strutturalmente non avendo le precondizioni culturali, professionali e morali per fare l’amministratore di una città, la maggior parte li considero delle brave persone e anche se partiamo da punti di vista differenti credo che potremmo condividere un percorso amministrativo per la città».

Qual è l’avversario che teme di più? 
«Non temo nessuno, pur stimandoli quasi tutti».

Un pregio e un difetto della precedente amministrazione.
«Il difetto è stato di non aver avuto una maggioranza in consiglio comunale, cosa che non mi ha consentito di poter attuare in maniera complessiva il mio programma e di poter lavorare serenamente. Il pregio è stata la squadra di professionisti che ha collaborato con me».

Se la eleggessero di nuovo, cambierebbe qualcosa rispetto a come ha governato la città nei cinque anni precedenti?
«Sicuramente sì, se avessi la maggioranza in consiglio comunale darei un'impostazione diversa al lavoro perché potrei lavorare più serenamente. Partirei da un dialogo più costruttivo e una maggiore collaborazione che poi si trasforma in una coesione istituzionale».

Teme di dover guidare ancora senza maggioranza?
«Non è un timore che mi accompagna perché le mie liste sono formate da persone che riuscirebbero a garantirmi un rapporto fiduciario dall’inizio alla fine. Il timore è in una legge elettorale che rischia di creare delle condizioni schizofreniche all’interno del consiglio comunale, come eleggere un sindaco senza maggioranza. Dunque, possono essere soltanto i cittadini a dare coerenza al voto altrimenti si rischia di paralizzare le istituzioni e l’intera città». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews