Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Procura Caltanissetta, irruzione in ufficio magistrato
Trovato il computer acceso, telecamere forse spente

Il raid sarebbe avvenuto durante le vacanze pasquali. A essere presa di mira è la stanza della procuratrice aggiunta Lia Sava. La polizia scientifica ha cercato eventuali tracce. Sul dispositivo informatico verrà effettuata una perizia per stabilire se sono state sottratte informazioni riservate

Alberto Sardo

Per sapere se sia trattato di un'irruzione mirata alla sottrazione di informazioni delicate o altro è ancora presto per saperlo. Di certo c'è che quanto accaduto all'interno del palazzo di giustizia di Caltanissetta, durante le vacanze pasquali, ha messo in allarme i magistrati. Al quarto piano della struttura, infatti, qualcuno è entrato nell'ufficio di Lia Sava, procuratrice aggiunta che fa parte del pool che indaga, tra l'altro, sulle stragi.

All'interno della stanza è stato trovato il computer acceso, mentre alcune piante sono state gettate a terra. Sul posto è arrivata la polizia scientifica, nel tentativo di recuperare eventuali tracce lasciate da chi è entrato. Non è chiaro, al momento, se siano stati rubati file riservati. «Ci sono indagini in corso - spiega il procuratore generale Lari -. Solo una perizia informatica potrà chiarire se sono stati sottratti dei file con notizie riservate». A confermare i fatti è anche il procuratore Amedeo Bertone. «Un tentativo di intrusione c'è stato», dichiara a MeridioNews

La competenza dell'indagine in questo caso è della procura di Catania. Nel frattempo arrivano delle conferme su un malfunzionamento delle telecamere di videosorveglianza. In particolare risulta guasta la telecamera che inquadra il corridoio al quarto piano dove si trovano proprio le stanze dei due procuratori aggiunti e dello stesso capo della Procura. Mentre funziona correttamente la telecamera che inquadra l'altro corridoio. Tempo fa, Lari aveva presentato un progetto per installare un nuovo sistema di videosorveglianza, aggiornando quello vecchio, ma il ministero della giustizia non lo ha finanziato.

Smentite, invece, le ipotesi circolate nelle ultime ore secondo cui alcune addette alle pulizie avrebbero potuto inavvertitamente far cadere le piante, poi trovate per terra, e accendere il computer. «Per adesso si può dire che non c'è alcun segno di effrazione, quindi l'ingresso dovrebbe essere avvenuto con delle chiavi - spiega Bertone -. Sulle addette alla pulizia, che sono state già ascoltate, non è stato riscontrato nulla di anomalo rispetto al contenuto delle loro dichiarazioni». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×