Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Assistenza disabili, Crocetta chiama Asu, Lsu e Pip
Associazioni: «Improvvisazione che lascia perplessi»

Il governatore annuncia in commissione Sanità le novità per cambiare il settore. Con anni di ritardo rispetto ad altre Regioni, viene istituito il fondo per la disabilità. Ma a non convincere chi tutti i giorni è in prima linea è la proposta sugli operatori. «Occorrono 900 ore di formazione, non si può agire con approssimazione»

Miriam Di Peri

Un disegno di legge che finalmente, con anni di ritardo sulle altre Regioni e sull’onda mediatica delle polemiche delle scorse settimane sull’assistenza ai disabili, istituisce il Fondo regionale per le disabilità. L’annuncio di Rosario Crocetta è arrivato a margine dell’audizione in commissione Sanità, dove il governatore ha relazionato sulle risorse a disposizione e sugli operatori che la Regione intende mettere a disposizione della disabilità gravissima nell’Isola. Dal punto di vista economico, si tratta di 36 milioni di euro, dei quali «venti - spiega il vicepresidente della commissione Sanità all’Ars, Vincenzo Fontana - saranno prelevati dalle regolamentazioni contabili, mentre 16 milioni proverranno da fondi comunitari».

È destinato a sollevare nuove polemiche, invece, l’aspetto legato agli operatori che tecnicamente dovrebbero occuparsi di disabilità. Se negli scorsi giorni, infatti, Crocetta aveva puntato li dito contro le cooperative convenzionate che forniscono il servizio di assistenza ai disabili, ecco la proposta messa in campo dal primo inquilino di palazzo d’Orleans: rompere questo sistema coinvolgendo gli Asu, gli Lsu e gli ex Pip. «Questi precari verranno pagati di più - ha sottolineato Crocetta -, ma dovranno andare a lavorare. All'inizio si farà un contratto con tre mesi di prova, se il candidato non si rivela idoneo perde il posto e si applicano le regole del mercato del lavoro. Oggi abbiamo un problema con l'insufficienza della disabilità, occorre fronteggiarlo e ridare dignità a chi ha necessità di assistenza per sopravvivere».

Ma a saltare sulla sedia sono le associazioni di disabili, che ricordano al presidente che «per diventare un operatore socio sanitario occorrono 900 ore di formazione». A dirlo è Giovanni Cupidi, nominato negli scorsi giorni da Crocetta all’interno della cabina di regia istituita proprio per coordinare le attività che ruotano attorno all’assistenza ai disabili. Ma che, al momento, resta soltanto un annuncio, visto che la cabina non si è ancora riunita e che nessuno ha chiesto l’opinione di Cupidi. «Io voglio ricordare al governatore - fa eco Antonella Balistreri, dell’omonima Fondazione che si occupa di medullolesi - che i disabili sono innanzitutto persone, poi sono anche disabili. Quello che serve è competenza e professionalità, non si può agire con approssimazione». 

Ma il presidente della commissione Sanità, Giuseppe Digiacomo, stempera sul nascere la polemica, sottolineando come la norma che istituisce il Fondo per la disabilità «rimanda a un ddl successivo che sarà presentato dall'assessorato alla Salute entro un mese dall'approvazione della Finanziaria. Lì saranno indicate tutte le modalità, comprese quelle di selezione del personale che si occuperà di erogare il servizio». Insomma, al di là degli annunci di Crocetta, la partita sulla disabilità è tutt’altro che chiusa.

L’amaro in bocca resta lo stesso, come evidenziato invece da Antonio Costanza, dell’Anffas Sicilia, che ammette: «Non comprendiamo per quali ragioni avviene sempre questa formazione a posteriori. Non basta dire, e cito testualmente quello che ha detto Crocetta in sala Alessi quando siamo stati a palazzo d’Orleans con Pif, “prendo impiegati che non fanno nulla, li formiamo e li mettiamo a lavorare”. Noi vogliamo sapere chi sono queste persone. Che formazione faranno? Per quante ore? E quante ore di assistenza saranno garantite? Sinceramente tutta questa improvvisazione lascia perplessi. Nell’ottica della qualità e della continuità, è una risposta sufficiente o si tratta dell’ennesimo provvedimento tampone? Qua non possiamo sbagliare, perché abbiamo in mano la vita della gente».

E se già Cupidi sottolineava come in realtà la cabina di regia non si sia ancora insediata, Costanza rincara la dose: «Come mai il governatore non si sta premurando di sentire le associazioni rappresentative della disabilità in Sicilia? Le persone con disabilità devono essere coinvolte nei processi politici e decisionali che riguardano la loro vita, come mai non si è sforzato di sentire il parere delle associazioni rappresentative per sapere cosa ne pensano?». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×