Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Maltempo, allagamenti e rischio esondazione a Ribera
A Sciacca disperso allevatore: auto trovata in torrente

Situazione molto complicata nel Comune agrigentino, dove sono caduti 197 millimetri d'acqua, una quantità maggiore rispetto a quella di sabato scorso. Chiusa la strada statale 115, all'altezza del fiume Verdura il cui livello si alza a visto d'occhio. Le case più vicine al corso sono state fatte evacuare. Guarda foto e video

Gero Rizzo

Foto di: Ribera città delle arance

Foto di: Ribera città delle arance

Sabato scorso Licata, oggi Ribera. L’Agrigentino continua ad essere sferzato dal maltempo. La pioggia non dà tregua e proprio nel giorno in cui era prevista una nuova allerta meteo a Licata (città messa in ginocchio dal nubifragio di pochi giorni fa, che ha provocato danni per milioni di euro), è Ribera, grosso centro agricolo della provincia di Agrigento, famoso per le arance rosse, a finire sott’acqua.

Qui piove ininterrottamente dalle prime ore del mattino di oggi e la strada statale 115, che passa proprio accanto a Ribera, è stata chiusa al traffico all’altezza del fiume Verdura. Il corso d’acqua, infatti, continua ad alzarsi a vista d’occhio e ha raggiunto l’altezza del ponte di Caltabellotta. Con il trascorrere dei minuti il rischio di esondazione diventa sempre più concreto. La decisione di chiudere la statale è stata presa dall’Anas, in via precauzionale. Infatti se il Verdura dovesse esondare, l’acqua finirebbe quasi certamente sulla statale, che è sempre molto trafficata, ad ogni ora del giorno, e metterebbe in pericolo gli automobilisti in transito.

Sul posto ci sono, oltre ai tecnici del Comune, i responsabili della Protezione Civile provinciale e di quella regionale. Il monitoraggio viene eseguito in continuazione. Intanto continua a piovere e se non dovesse smettere non ci sarebbe modo di evitare lo straripamento. Ovviamente tutti coloro i quali risiedono nei pressi del corso d’acqua sono stati fatti allontanare. Gli allagamenti nel centro urbano riguardano diversi quartieri, con garage, abitazioni e negozi allagati. È allagato anche l’istituto Francesco Crispi dove sono state attivate le idrovore nel tentativo di liberare le aule dall’acqua. I detriti, inoltre, hanno occupato buona parte delle strade che collegano Ribera ai centri vicini ed i vigili del fuoco sono al lavoro per liberarle dal fango.

Intanto, però, è stato il sindaco Carmelo Pace ad annunciare che la situazione è molto più grave di quanto si possa immaginare. «Praticamente – ha detto il primo cittadino – siamo isolati, tutte le strade che dalla città conducono alla 115 sono invase dai detriti, e identica situazione si registra sulle arterie che collegano Ribera con i centri vicini. È crollato parte del muro di cinta dell’istituto Francesco Crispi e stiamo monitorando la situazione di altri siti».

Di acqua ne è caduta, addirittura più di quella finita su Licata sabato scorsa. Allora erano caduti 166 millimetri di pioggia, a Ribera siamo già a quota 197 millimetri. Situazione difficile anche a Sciacca, dove il sindaco Fabrizio Di Paola ha invitato tutti i cittadini a «non uscire di casa, se non per estreme necessità». Secondo di Paola sono interrotti o in gravi difficoltà, «i collegamenti dell'intero circondario, in particolare fra Ribera e Menfi». Proprio a Sciacca, in serata è arrivata la notizia di un disperso: si tratta di Vincenzo Bono, allevatore di 60 anni, la cui auto è stata trovata in località Muciare dentro un torrente.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews