Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Assestamento di bilancio, via all'iter di approvazione 
Formazione, precari, disabili: chi attende i 228 milioni

Prima la discussione in seconda commissione, poi l'approdo all'Ars. In mezzo il referendum del 4 dicembre che potrebbe rallentare un percorso che, però, va chiuso entro i primi dieci giorni di dicembre, altrimenti i soldi non potranno essere spesi in tempo. Somme decisive per diverse categorie di siciliani

Miriam Di Peri

Una manovra da 228 milioni di euro, per la quale sono già stati presentati circa 400 emendamenti in commissione e che di certo non troverà la strada spianata in Assemblea. Inizia questa mattina in seconda commissione a Palazzo dei Normanni l’esame degli emendamenti presentati all’assestamento di Bilancio per l’anno 2016. Una manovra che potrebbe dare respiro a quei settori della macchina amministrativa regionale che altrimenti non saprebbero come chiudere l’anno. Dall’assistenza scolastica agli studenti diversamente abili - per cui è stata autorizzata nel primo quadrimestre dell’anno scolastico una spesa di 4,5 milioni di euro - fino all’assegnazione straordinaria alle città metropolitane e ai liberi consorzi comunali di 18 milioni di euro «per contribuire - si legge nella relazione del governo - alla riduzione degli squilibri di bilancio 2016 degli stessi enti».

Diciassette milioni di euro dovrebbero andare invece alla formazione professionale siciliana «per provvedere all’attivazione dei percorsi di istruzione e formazione professionale da parte degli Enti accreditati ai fini del conseguimento di una qualifica professionale al termine del terzo anno e di un diploma di tecnico al termine del quarto anno».

Ancora, un milione e 800mila euro per i precari dei Comuni e delle ex Province in dissesto perché, come viene ricordato nella relazione tecnica, «i Comuni in dissesto possono prorogare i rapporti di lavoro con i lavoratori precari solo a condizione che il relativo onere sia coperto integralmente dalla Regione a statuto speciale di appartenenza». Ragionamento analogo anche sul fronte dei precari delle ex Province di Enna e Caltanissetta, per i quali viene destinata una integrazione di 3,4 milioni di euro per il Fondo straordinario per i lavoratori precari: «La grave situazione finanziaria degli enti di area vasta - sottolinea ancora il governo - non consente ad alcuni enti di sostenere la propria quota degli oneri relativi ai contratti con i lavoratori precari. Si rende necessario, quindi, il soccorso regionale per evitare l’interruzione dei rapporti di lavoro». Ancora, circa un milione e mezzo di euro andrà ai Comuni che hanno subito una «riduzione significativa dei proventi delle royalties conseguente alla riduzione dei prezzi degli idrocarburi». Ancora, un milione di euro andrà alla libera università Kore di Enna, mentre 150 mila euro saranno destinati al Brass group di Palermo.

«Queste somme - dice il presidente della seconda commissione, Vincenzo Vinciullo - acquisiranno un senso se l’assestamento sarà votato entro la prima decade di dicembre. Da parte nostra, stiamo lavorando perché l’esame degli emendamenti sia concluso nell’arco di un paio di giorni e già giovedì il testo possa essere incardinato a Sala d’Ercole». Insomma, i tempi sono strettissimi e tra meno di due settimane gli italiani saranno chiamati alle urne per il referendum. Il timore resta lo stesso: che dietro la campagna referendaria Sala d’Ercole possa registrare numerosi scranni vacanti. Ma l’assestamento non può attendere il 4 dicembre, lo stesso Ardizzone ha dichiarato di voler andar avanti. La scommessa, ancora una volta, è tutta nelle mani della maggioranza che sostiene il governo Crocetta all’Ars.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews