Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Punta Izzo, associazioni incontrano l'amministrazione
«C'è volontà del Comune di aprire sito alla collettività»

Il futuro di una parte del litorale di Augusta al centro del confronto tra il coordinamento nato per la smilitarizzazione e la tutela dell'area da una parte, la sindaca Di Pietro e l'assessore Pulvirenti dall'altra. Intanto va avanti la raccolta firme 

Redazione

Incontro tra associazioni e amministrazione comunale di Augusta per parlare del futuro di Punta Izzo, parte del litorale del Comune siracusano in cui per anni è stato attivo un poligono militare, che potrebbe essere riaperto. «L’incontro è stato positivo - spiegano dal Coordinamento per la smilitarizzazione e la tutela di Punta Izzoperché ci ha permesso di proporre, illustrare e discutere insieme le concrete azioni che il Comune di Augusta, attraverso i suoi uffici, può intraprendere per conseguire la fruizione pubblica del comprensorio costiero di Punta Izzo, insieme alla migliore tutela e valorizzazione dei suoi elementi naturalistici, archeologici, etnografici, storici e culturali. Un traguardo che dovrà passare, in primo luogo, dalla richiesta al ministero della Difesa di dismissione del bene e di retrocessione all’Agenzia del Demanio, per destinarlo, previa bonifica dell’area dell’ex poligono, ai fini di valorizzazione e uso collettivo».

Ad ascoltare le associazioni, venerdì scorso, c'erano la sindaca Cettina Di Pietro e l'assessore all'Ambiente Danilo Pulvirenti che hanno manifestato la volontà di impegnarsi per gli obiettivi a cui mira il coordinamento, che ha lanciato anche una petizione giunta a 300 firme in due settimane. «A breve - spiegano le associazioni - faremo pervenire all’amministrazione comunale le nostre dettagliate valutazioni, tecniche e politiche, in merito ai percorsi amministrativi più efficaci per le finalità da perseguire, ma anche inclusivi di un coinvolgimento democratico della cittadinanza di Augusta».

Quale lo scopo? Riaprire Punta Izzo «alla collettività per fini sociali e culturali», metterla al riparo «dalle gestioni privatistiche e dalle speculazioni edilizie e commerciali, che sono semplicemente incompatibili con la sopravvivenza e l’equa fruizione di un’area marina e costiera bisognosa di ritrovare un legame di simbiosi con la propria comunità. In linea con queste considerazioni, le iniziative che portiamo avanti mirano a riconvertire Punta Izzo in un bene comune, all’insegna di una ritrovata cultura della pace e della solidarietà che si accompagna, in maniera imprescindibile, a un’educazione alla cura, al rispetto e alla difesa dell’ambiente naturale, oggi purtroppo sempre più offeso e depauperato». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×