Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, dispositivi antisismici su due palazzi
«L'edificio si muove e resiste a forti terremoti»

Nella città dello Stretto gli isolatori testati nel centro d'eccellenza Cerisi sono stati applicati su due immobili e sotto la fontana del Montorsoli. «È come se fosse una scatola appoggiata su questi meccanismi che gli consentono di muoversi e di oscillare in caso di sisma»

Simona Arena

A Messina, dopo il devastante terremoto del 1908, le abitazioni furono ricostruite rispettando le norme sismiche dell’epoca. Ma è passato più di un secolo e quasi nessuno degli edifici pubblici e privati della città dello Stretto ha un certificato di vulnerabilità sismica che attesti la resistenza a un eventuale terremoto. L'allarme è scattato anche per le scuole: 122 non possiedono certificato antisismico, solo una, l'istituto Manzoni, fa eccezione. L'ultimo caso riguarda la Leopardi, nel complicato rione Minissale, chiusa dopo le proteste dei genitori. 

Eppure proprio a Messina esiste un centro di eccellenza, il Cerisi, che attira imprenditori internazionali per testare i più moderni dispositivi antisismici. E in due edifici, costruiti negli ultimi anni nel capoluogo peloritano, sono state applicate queste tecnologie che consentono a chi ci abita di dormire sonni tranquilli. Si tratta di un palazzo che è stato costruito sul viale Europa, in pieno centro, e uno di sette piani sul torrente Trapani, il palazzo Leonardo. C’è poi anche una fontana del Montorsoli che si trova all’interno della nuova sede museale di viale della Libertà, che è stata posizionata su una base sorretta da colonne con isolatori sismici

A spiegare come funzionano questi meccanismi è il costruttore di palazzo Leonardo, l’ingegnere Salvatore Sciacca. «Si tratta di isolatori a pendolo inverso. Sono dispositivi realizzati con una forma concava che permettono di scorrere per più o meno 25 centimetri in tutte le direzioni». L’edificio al di sopra degli isolatori è come se fosse una scatola «appoggiata su questi meccanismi che gli consentono di muoversi e di oscillare in caso di sisma». 

Ecco perché, a differenza di altri edifici, palazzo Leonardo è stato costruito mantenendo una distanza di 40 centimetri dagli altri immobili confinanti. «Basta guardare i giunti di collegamento per rendersene conto – conclude l’ingegnere – questo palazzo può resistere a un sisma del decimo grado Mercalli. Un terremoto veramente distruttivo». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Trivelle, opportunità o pericolo?

È la regione più interessata alla ricerca e all'estrazione di gas e petrolio. Attività contro cui si batte il movimento No Triv

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×