Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, dispositivi antisismici su due palazzi
«L'edificio si muove e resiste a forti terremoti»

Nella città dello Stretto gli isolatori testati nel centro d'eccellenza Cerisi sono stati applicati su due immobili e sotto la fontana del Montorsoli. «È come se fosse una scatola appoggiata su questi meccanismi che gli consentono di muoversi e di oscillare in caso di sisma»

Simona Arena

A Messina, dopo il devastante terremoto del 1908, le abitazioni furono ricostruite rispettando le norme sismiche dell’epoca. Ma è passato più di un secolo e quasi nessuno degli edifici pubblici e privati della città dello Stretto ha un certificato di vulnerabilità sismica che attesti la resistenza a un eventuale terremoto. L'allarme è scattato anche per le scuole: 122 non possiedono certificato antisismico, solo una, l'istituto Manzoni, fa eccezione. L'ultimo caso riguarda la Leopardi, nel complicato rione Minissale, chiusa dopo le proteste dei genitori. 

Eppure proprio a Messina esiste un centro di eccellenza, il Cerisi, che attira imprenditori internazionali per testare i più moderni dispositivi antisismici. E in due edifici, costruiti negli ultimi anni nel capoluogo peloritano, sono state applicate queste tecnologie che consentono a chi ci abita di dormire sonni tranquilli. Si tratta di un palazzo che è stato costruito sul viale Europa, in pieno centro, e uno di sette piani sul torrente Trapani, il palazzo Leonardo. C’è poi anche una fontana del Montorsoli che si trova all’interno della nuova sede museale di viale della Libertà, che è stata posizionata su una base sorretta da colonne con isolatori sismici

A spiegare come funzionano questi meccanismi è il costruttore di palazzo Leonardo, l’ingegnere Salvatore Sciacca. «Si tratta di isolatori a pendolo inverso. Sono dispositivi realizzati con una forma concava che permettono di scorrere per più o meno 25 centimetri in tutte le direzioni». L’edificio al di sopra degli isolatori è come se fosse una scatola «appoggiata su questi meccanismi che gli consentono di muoversi e di oscillare in caso di sisma». 

Ecco perché, a differenza di altri edifici, palazzo Leonardo è stato costruito mantenendo una distanza di 40 centimetri dagli altri immobili confinanti. «Basta guardare i giunti di collegamento per rendersene conto – conclude l’ingegnere – questo palazzo può resistere a un sisma del decimo grado Mercalli. Un terremoto veramente distruttivo». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×