Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, processo su speculazione edilizia Green Park
Prescrizione, in Cassazione cancellate molte condanne

Per la costruzione di un complesso edilizio sul terreno era cambiata la destinazione d'uso. Le indagini aveva svelato una storia di tangenti, e fatto luce su un comitato d’affari che secondo l’accusa vedeva strettamente legati il mondo dell’imprenditoria, della politica e della burocrazia

Simona Arena

La sesta sezione della Cassazione ha cancellato le condanne per quasi tutti gli imputati del processo Oro Grigio, uno dei processi simbolo a Messina sulla speculazione edilizia del complesso Green Park, sul torrente Trapani. Una vicenda iniziata a maggio 2005 e conclusasi nella tarda serata di ieri con la decisione della Corte che, undici anni dopo gli arresti eccellenti, ha dichiarato prescritte le più importanti condanne per corruzione inflitte dalla Corte d’appello di Messina. La Cassazione non ha disposto alcun rinvio, quindi il verdetto è da considerarsi definitivo. 

A causa della prescrizone sono state cancellate le condanne a quattro anni e sei mesi di reclusione per l’avvocato Giuseppe Pucci Fortino, per l’ex presidente del consiglio comunale Umberto Bonanno e per il funzionario comunale Antonino Ponzio. E quella a un anno e dieci mesi di reclusione, grazie alla concessione delle attenuanti generiche, per il costruttore Giovanni Arlotta che aveva registrato la sospensione della pena. Rigettato dalla Cassazione il ricorso presentato dagli altri due imputati, Giovanni Magazzù e Antonino Smidile, che contestavano la condanna a un anno e dieci mesi di reclusione. Per entrambi era stata registrata la sospensione della pena. 

La Cassazione ha poi annullato, ma con rinvio a una Sezione d’appello in sede civile, le statuizioni decise in appello a maggio 2015 per le parti civili, pubbliche e private, del procedimento. Si dovrà quindi rideterminare tutto per l’entità dei risarcimenti, e bisognerà capire il destino giudiziario delle provvisionali. Confermata dalla Cassazione la confisca di tutta la struttura del complesso edilizio Green Park del torrente Trapani, che passa nella proprietà del Comune di Messina.

La storia del Green Park inizia quando la destinazione del terreno, considerata nel 1998 a bassa densità edilizia, cambia otto anni dopo, quando viene rilasciata una concessione per la costruzione di un complesso edilizio, grazie a uno degli emendamenti che stravolsero il Piano regolatore di Messina. Le indagini della squadra mobile svelano una storia di tangenti, e fanno luce su un comitato d’affari che secondo l’accusa vedeva strettamente legati il mondo dell’imprenditoria, della politica e della burocrazia. La Corte d’Appello nel maggio del 2015 condanna Fortino, Bonanno, Ponzio e ridetermina le pene per i costruttori Giovanni Arlotta, Giovanni Magazzù e Antonio Smidile. Adesso arriva la prescrizione per quattro di loro.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews