Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Fu condannato nella tangentopoli messinese
L'ex senatore Astone perde il vitalizio a 84 anni

Giuseppe Astone, alle spalle quattro esperienze in Parlamento e una da sottosegretario alle Poste, nel 2007 era stato condannato dalla Cassazione a sei anni per associazione a delinquere finalizzata alla concussione, per la gestione di appalti autostradali. Adesso viene privato del beneficio

Simona Arena

C’è anche il messinese Giuseppe Astone, ex sottosegretario alle Poste, tra i sei ex deputati ai quali l’ufficio di presidenza della Camera ha tolto il vitalizio. La decisione nasce dall’applicazione della delibera votata nel 2015 che revoca il beneficio agli ex deputati condannati con sentenza passata in giudicato a pene superiori a due anni di reclusione per delitti non colposi, consumati o tentati, per i quali sia prevista la reclusione fino a un massimo di sei anni. 

Oltre ad Astone rimarranno senza vitalizio anche gli ex deputati over ottantenni Cesare Previti, ex esponente di spicco di Forza Italia, Toni Negri, leader della sinistra sovversiva, Giuseppe Del Barone, Luigi Farace e Luigi Sidoti. Astone era stato condannato a sei anni nella tangentopoli messinese sulla gestione degli appalti autostradali a cavallo tra gli anni ottanta e novanta. In primo grado fu condannato a otto anni per associazione a delinquere finalizzata alla concussione, alla corruzione e alla turbativa d’asta. In appello ebbe uno sconto di pena, e la condanna venne ridotta a sei anni. Nel 2007 la Cassazione ha confermato la condanna. 

La pensione di Astone, che oggi ha quasi 84 anni, doveva essere revocata già qualche mese fa come accaduto a luglio a quella di Silvio Berlusconi e di altri 15 parlamentari più giovani. Al raggiungimento degli 80 anni però viene eliminata l'iscrizione al casellario giudiziale. Gli uffici della Camera hanno inviato una richiesta alla corte di Cassazione per poter consultare le condanne presenti negli archivi. Arrivati a Montecitorio, i documenti richiesti sono stati esaminati e hanno portato all'individuazione degli altri sei ex deputati ai quali adesso è stata applicata la legge.

Astone fu sottosegretario alle Poste dal 1987 al 1992 e deputato per quattro legislature. A Messina la sua segreteria politica veniva indicata semplicemente come via Sant’Agostino. Aveva preso le redini della Democrazia cristiana in città, succedendo al ministro Gullotti. Poteva contare su 29 consiglieri comunali. Una maggioranza che gli consentì politicamente di decidere nomine di sindaci e assessori. E anche per la presidenza della Regione i suoi voti erano determinanti. Riuscì a far eleggere governatore siciliano il messinese Vincenzino Leanza. E sempre grazie a lui, molti furono gli uomini nominati nei sottogoverni.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×